Libera: presentati i campi di formazione sui beni comuni e confiscati alle mafie “E!state Liberi! 2016”

campifotoLa rete di Libera, anche quest’anno, dedicherà il proprio impegno civile ad attività di recupero e riqualificazione di beni comuni e confiscati alle mafie – adesso gestiti da cooperative sociali ed associazioni – presenti nella città di Reggio Calabria e nei territori limitrofi di Pentedattilo e Condofuri. L’edizione 2015 del programma “Estate Liberi” – che per la prima volta ha portato i campi anche nel centro cittadino – ha visto partecipanti provenienti da ogni parte d’Italia che hanno consentito, con il loro concreto impegno, di recuperare beni della collettività. Tante le realtà coinvolte per il 2016: in città, saranno sede dei laboratori e dei campi, l’ex bowling di Gioacchino Campolo affidato all’ARCI, il Museo dello Strumento Musicale – quale bene comune danneggiato dall’incendio del 2013 – e la sede del gruppo scout Agesci di San Giovanni di Archi ubicata in un immobile confiscato; a Pentedattilo si lavorerà insieme all’associazione Pro Pentedattilo e al Consorzio Macramè negli immobili e sui terreni confiscati loro assegnati; a Condofuri Marina e Superiore insieme alla cooperativa IChora su beni confiscati e comuni. Obiettivo principale degli organizzatori è quello di coinvolgere sempre più cittadini in percorsi di impegno sociale rivolti alla comunità in cui vivono. Chiunque, giovane o adulto, può partecipare ai campi, anche per poche giornate di lavoro, affinchè tutti si sentano partecipi del recupero e della restituzione alla collettività del bene confiscato o comune. Per i più giovani sarà anche occasione per riscoprire il territorio e confrontarsi con coetanei provenienti da ogni parte d’Italia. Saranno previsti anche momenti formativi aperti alla collettività per favorire il confronto e la riflessione su temi connessi al riscatto sociale e al contrasto alle cosche di ‘ndrangheta.

Informazioni di dettaglio e modalità di iscrizione ai campi sono facilmente reperibili sul sito nazionale di Libera (www.libera.it/estateliberi) o inviando una mail al locale coordinamento all’indirizzo: reggiocalabria@libera.it.