L’Assessore Roccisano a Cittanova per la chiusura del progetto interregionale “Oltrepassare l’ostacolo…l’inclusione passa da noi”

roccisanoL’Assessore regionale alla Scuola Federica Roccisano – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – è intervenuta, a Cittanova, all’evento conclusivo del progetto “Oltrepassare l’ostacolo…l’inclusione passa da noi”. Si tratta di un progetto interregionale fortemente voluto dall’Assessore  Roccisano, in collaborazione con il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Diego Bouchè, e che ha visto il coinvolgimento degli istituti comprensivi di Cittanova, Caulonia, Montebello Jonico e Delianuova per la provincia di Reggio;  Filadelfia  per la provincia di Vibo,  Petronà  per la provincia di Catanzaro, Taverna di Montalto Uffugo per  Cosenza, Petilia Policastro ed  Isola Capo Rizzuto per la provincia di Crotone. Nel corso dell’ultimo anno scolastico, gli studenti hanno seguito attività di musica terapia e pet-terapy con l’obiettivo di favorire l’inclusione scolastica di tutti i bambini con un approccio di tipo innovativo. Esperti del settore con l’ausilio del cucciolo di setter Lara  hanno accompagnato il percorso dei docenti e dei bambini, seguendo un metodo inclusivo con un approccio innovativo. “L’inclusione scolastica dei bambini diversamente abili – ha detto l’Assessore Roccisano -  è stato sin da subito un aspetto prioritario del mandato che mi ha affidato il Presidente Oliverio, e il progetto presentato oggi ci rimanda risultati davvero positivi. Ci parla di scuole che lavorano in rete tra loro da un punto all’altro della Calabria, attraversando le cinque province calabresi per fare in modo di moltiplicare gli effetti positivi del progetto a vantaggio dei bambini. Il linguaggio della musica come anche l’empatia generata nel rapporto con Lara, la cucciola di Setter, ha favorito l’inclusione di tanti bambini disabili. Sono convinta che sono queste le pratiche positive che possono favorire la creazione di una Calabria virtuosa e realmente inclusiva a partire dalle fasce più giovani”.