Gioia Tauro (Rc), sale la tensione dei lavoratori Lirosi in vista dello sciopero di domani

lirosiSale la tensione dei lavoratori Lirosi autoservizi in vista dello sciopero del 17 giugno, gli stessi rivendicano il mancato accantonamento del TFR sul fondo Priamo da oltre 4 anni. A peggiorare la situazione, come se non bastasse, i lavoratori hanno percepito l’ultimo stipendio il 29 marzo c.a. e gli stessi e le famiglie ormai non sono più in condizione di far fronte alle più banali spese per il sostentamento.  ”Non ci sono più le risorse economiche per recarsi al lavoro” è  Il grido di allarme che si alza forte e rabbioso da parte di chi fino ad oggi si è  sacrificato per rispondere ad un dovere ed al senso di responsabilità sempre dimostrata nell’espletamento del servizio assegnato. Siamo giunti al quarto sciopero in pochi mesi e i sindacati di Filt Cgil Uil Trasporti Faisa e Sul Trasporti hanno, per quanto potuto, cercato di dare  margine ampio  alla Direzione Lirosi per allinearsi alle richieste,  ma ancora una volta sono stati violati diritti fondamentali dei lavoratori. Si registra inoltre la grande assenza della Regione Calabria coinvolta dalle OO.SS. con una richiesta di urgente incontro al fine di assumere la dirigenza della vertenza. Ci spiace della mancanza di sensibilità rivolta ai lavoratori Lirosi da parte dell’assessore Musmanno, che di fatto non ha sentito il bisogno di ascoltarci, vogliamo ricordare che le risorse economiche erogate da parte dal Governo e dalla Regione Calabria dono destinate al diritto alla mobilità dei cittadini,  altrentanto ovvio è che chi garantisce il servizio con il proprio lavoro abbia il sacrosanto diritto di percepire lo stipendio senza subire attacchi e violenze, conservando integra  la propria dignità.