Giochi, Pagano: “fare il possibile per contrastare ludopatia, è ora di dire stop all’ipocrisia”

slot-machine“E’ arrivato il momento in cui in questo Paese si dica stop all’ipocrisia”. Non usa mezzi termini il deputato di Area popolare (Ncd-Udc) Alessandro Pagano quando lo si interroga sulla piaga del gioco d’azzardo patologico (gap) e in particolare sulla proposta del sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta di eliminare slot machine dai bar e dalle rivendite di tabacchi per cercare di arginare il fenomeno. “I riscontri sulla legge che istituì il sistema dei giochi sono tutti negativi – spiega al Velino il parlamentare -: c’e’ stato nel tempo un aumento esponenziale della ludopatia che sta destrutturando la personalità dei singoli e antropologicamente il popolo italiano. Inoltre produce contraccolpi economici con i costi per curare le persone affette da gap. Invece i benefici fiscali ed economici di cui si stanno giovando i professionisti del gioco sono a dir poco spaventosi”. Secondo Pagano “mettendo sul piatto della bilancia tutti questi elementi si capisce che quella legge fu una vera catastrofe. Dunque – sottolinea – qualsiasi iniziativa che va a migliorare uno stato tanto pessimo io la saluto con favore. Anzi, ogni elemento in tal senso e’ obbligatorio. Chi invece e’ favorevole a una situazione del genere e’ asservito alla lobby dei giochi. Esca allo scoperto”.