Ecco il nuovo romanzo del reggino Gaetano Barreca

poesiaÈ un tour emozionale nella società degli anni ‘70 il nuovo romanzo di Gaetano Barreca, “Dopo il Funerale: Novembre 1975” pubblicato dalla nota e indipendente casa editrice americana CreateSpace. Si parte dagli anni delle contestazioni giovanili e dei Beatles, da Berlinguer ai pantaloni a zampa d’elefante e ci troviamo nella città in cui Aldo Moro ha insegnato, scelta dall’autore trapiantato a Londra, per raccontare l’antropologia di un’Italia che non esiste più ma che manca anche a chi non l’ha vissuta. Domenica, 16 novembre 1975, rione popolare Madonnella di Bari. Luigi e Loredana vivono due storie quasi parallele. Perseguono i loro ideali così ardentemente da ritrovarsi nei guai non solo con le lobby al potere, ma anche con la criminalità locale. Assunta e Zì Ninì, invece, condividono l’esistenza di tutti i giorni con personaggi strambi e variopinti affrontando problemi familiari e cotte di terza età. Il romanzo, ben incardinato nel contesto della Guerra Fredda, vede la politica italiana alle prese con un alquanto complesso scenario internazionale e con una scelta, non facile, da compiere dalla quale dipenderà il futuro ruolo dell’Italia sul palcoscenico globale post bellico: schierarsi con l’America o con l’Unione Sovietica.  Attraverso le ricerche segrete che il protagonista compie, l’autore fa altresì luce sui misteri e gli inganni di una politica coloniale straniera, iniziata con gli assassinii di Adriano Olivetti ed Enrico Mattei, contestualizzando un presunto intento di sovvertire il potere repubblicano e l’ordine democratico costituito del nostro Paese. L’autore si sofferma sulla narrazione di antiche leggende e credenze popolari baresi come il passaggio dei santi sul territorio, il malocchio e i riti scaramantici che hanno sempre influenzato il quotidiano e per ultimo l’essenza stessa del nucleo familiare. L’amore per le nostre vere radici, per le tradizioni, per il cibo e per la vita sono il punto focale dell’opera in cui molti lettori si ritroveranno. Gaetano Barreca, Dopo il funerale: Novembre 1975, pagg 293, Euro 14,99 è disponibile in copertina flessibile e formato eBook online sugli store Amazon, Google Play e iTunes. Per avere una copia direttamente  dell’autore scrivete a gaetanobarreca@gmail.com.

Sinossi

1975, Bari. Luigi è appena tornato da Roma per passare un po’ di tempo in famiglia e riappropriarsi della propria vita, delle abitudini con il  vicinato e dei vecchi amici che poco sanno dei complotti e degli attentati alla Repubblica che avvengono nella capitale. Tra lobby di potere e servizi segreti deviati, nella sua tesi di laurea Luigi segue le stesse indagini di Pierpaolo Pasolini sul petrolio, e proprio il violento omicidio di quest’ultimo lo riporta a casa sconfitto e deluso. Saranno le stravaganti donne del vicinato, la Gnura Gina e la palermitana Santina con la sua statua di Santa Rosalia sempre affacciata al balcone a dare nuova vivacità al ragazzo. Luigi riuscirà a trovare la propria strada e concepire il progetto per un’economia sostenibile ispirata al modello di Comunità proposto dal senatore Adriano Olivetti. “Dopo il Funerale: Novembre 1975” è un romanzo corale in pieno stile anni ‘70 in cui tra le feste di quartiere, le gare sui tacchi dodici ed i comizi di Berlinguer il futuro dell’Italia ha ancora il sapore di opportunità.

L’autore

Gaetano Barreca ama l’arte ed è irresistiblemente attratto dai ruderi. È nato a Reggio Calabria nel 1979 e vive a Londra, dove insegna lingua e cultura italiana. Laureato in Storia dell’Arte e Archeologia presso l’Università di Perugia, è illustratore e scrive poesie, favole e opere di narrativa introspettiva. Ha pubblicato vari racconti e romanzi tra cui Martini Bias Crime (Boopen, 2010), Inquietudini di Cera (Lulu, 2010) e contribuito a La Vita è una Cosa Meravigliosa (Mondadori, 2009).