Confindustria Reggio Calabria: “System House modello virtuoso da sostenere”

call_centerEsistono realtà aziendali virtuose e da assumere, senza esitazioni, quali punti di riferimento nel territorio reggino. Realtà che fanno della cultura del lavoro, del rispetto delle regole e dell’innovazione i tratti qualificanti di un agire imprenditoriale sano e in grado di innescare lavoro e sviluppo. E’ questo il modello portato avanti da Agostino Silipo, titolare della System House, storica azienda reggina specializzata nell’erogazione di servizi call center”.

E’ quanto afferma Confindustria Reggio Calabria, esprimendo pieno e convinto apprezzamento nei confronti di un’impresa che nei giorni scorsi è stata additata a modello positivo da un quotidiano nazionale nell’ambito di un servizio sull’efficacia del Jobs Act. Nel recente passato, contro la stessa azienda era stata avviata “una campagna di stampa denigratoria e carica di quel pregiudizio che avvolge chiunque si renda protagonista di esperienze positive nel nostro contesto sociale. Ancora oggi, in Italia, si stenta ad accettare che esperienze di successo come la System House possano partire dal profondo Sud”.

In tal senso, evidenzia Confindustria Reggio Calabria, “è emblematica la vicenda dell’imprenditore Silipo e della realtà di cui egli è alla guida, che rappresenta un esempio di gestione e organizzazione aziendale efficace, come dimostrano anche i prestigiosi riconoscimenti a livello nazionale ottenuti per il contributo offerto ai processi di innovazione e rilancio del territorio. In un tessuto produttivo come quello reggino – sottolineano gli Industriali – dove fare impresa costituisce uno sforzo nettamente maggiore rispetto  quanto avviene in altri contesti d’Italia, crediamo che esempi del genere debbano essere incoraggiati e assunti come modello da imitare e, se possibile, da replicare. All’imprenditore Silipo va riconosciuta, tra le altre cose, anche la capacità di aver messo a frutto i nuovi strumenti per l’occupazione introdotti di recente dal governo nazionale, in modo concreto e guardando alla crescita dei propri livelli occupazionali. Ma parlano chiaro – rileva Confindustria Reggio Calabria – anche gli interventi che questa azienda ha attuato, al proprio interno, per favorire, ad esempio, le giovani mamme lavoratrici, progettando spazi specifici e idonei per consentire di contemperare le funzioni genitoriali con l’attività lavorativa. E non meno importanti sono gli interventi di carattere infrastrutturale ai quali la stessa azienda ha provveduto, finanziando reti, impianti elettrici e idrici. Il tutto seguendo sempre una linea improntata allo sviluppo sostenibile e a progetti imprenditoriali di lungo respiro. E’ questo il modello di impresa che ci piace – ribadiscono gli imprenditori reggini – e che intendiamo promuovere e sostenere con forza. Un modello che guarda, seriamente e con i fatti, allo sviluppo del territorio, alla creazione di opportunità di lavoro per i giovani della nostra terra e, non ultimo, alla diffusione della cultura imprenditoriale. Un patrimonio, quest’ultimo, che a nostro avviso costituisce la vera chiave per fare in modo che la nostra provincia e, più in generale, l’intera Calabria, possano affrontare le sfide, difficili e complesse, del presente e del futuro. La System House deve essere considerata un motivo d’orgoglio all’interno del sistema produttivo reggino. Come questa, tante altre realtà imprenditoriali costituiscono un valore aggiunto per l’economia e la tenuta occupazionale del territorio. Per questo motivo – conclude Confindustria Reggio Calabria – ne siamo orgogliosi e fieri”.