Treno per Reggio Calabria parte con bagni fuori uso, Antitrust avvia indagine

Lo scorso 1 aprile il treno Pilota_UIC-Z_Frecciabianca9873 diretto a Reggio Calabria partì alle ore 8:49 da Roma con 4 toilette su 12 fuori uso. A bordo del convoglio il Presidente Codacons, Carlo Rienzi, che annunciò una denuncia sul disservizio. La vicenda fece il giro del web e finì sui giornali della Calabria, e l’associazione depositò il successivo 12 aprile un esposto all’Antitrust chiedendo un intervento per verificare il rispetto delle norme a tutela degli utenti.

Oggi arriva la decisione dell’Autorità che ha aperto una indagine sulla vicenda denunciata dal Codacons, informando che “la pratica è stata attribuita per competenza alla Direzione Generale per la tutela del consumatore, Direzione Industria primaria, energia, trasporti e commercio di questa Autorità. La Direzione verificherà la rilevanza dei fatti segnalati per i profili di competenza”.

“Ora l’Antitrust accerterà il comportamento di Trenitalia e, in caso di violazione dei regolamenti a tutela degli utenti, adotterà i conseguenti provvedimenti – spiega il presidente Carlo Rienzi – L’impossibilità di utilizzare una parte dei bagni su un treno a lunga percorrenza rappresenta un disservizio non irrilevante e un disagio per i passeggeri, trattandosi di un servizio di prima necessità che dovrebbe essere sempre garantito a fronte del pagamento di salate tariffe ferroviarie”.