Regione Calabria, Pacenza: “il duo Scura-Urbani continua ad operare in sfregio alle istituzioni democratiche”

sanità“Il duo Scura-Urbani continua ad operare in sfregio alle istituzioni democratiche calabresi travalicando, di gran lunga, i poteri e le competenze assegnati loro. Infatti, col Decreto n°46 del 6 maggio u.s., senza alcuna istruttoria e convalida da parte del Dipartimento “Salute” della Regione Calabria, il Commissario e il Subcommissario al Piano di Rientro dal debito sanitario hanno decretato l’attivazione di una convenzione con l’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali (Agenas) a supporto delle attività del Commissariato che prevede un costo annuo di 250 mila euro a carico del Fondo Sanitario Regionale. Il Commissariato non può assumere obblighi finanziari e scaricarlo sulla Regione”, scrive in una nota Franco Pacenza, delegato del Presidente Oliverio in materia sanitaria. “Il Decreto e la stessa ipotesi di convenzione indicano- prosegue- tra l’altro, obiettivi ed attività già assunti con precedenti decreti e che riguardano:
-riorganizzazione rete ospedaliera;
-ulteriori reti cliniche;
-revisione rete territoriale;
-revisione rete laboratoristica;
-completamento manuali accreditamenti;
-supporto giuridico.
Nei mesi scorsi Scura e Urbani, anche con apposita relazione trasmessa al Ministero della Salute, avevano rivendicato il raggiungimento di tali obiettivi. Oggi, quegli stessi obiettivi, diventano oggetto di una convenzione onerosa a carico dei calabresi. Si ripropone la tattica della “moina”, al solo fine di allungare i tempi della gestione commissariale. Sorprende, inoltre, la superficialità della stessa Agenas, oggi priva di guida politica, che pensa di stipulare una convenzione onerosa a carico della Regione senza che la stessa ne sia preventivamente messa a conoscenza. Continua l’ossessione del Commissario Scura che, nella costituzione delle parti, cosi si definisce: “la Regione Calabria con sede in Catanzaro (Palazzo Alemanno), rappresentata dal Commissario ad Acta ing. Massimo Scura (di seguito definito Regione)…”. Lunedì attiveremo tramite l’Avvocatura regionale, investendo la stessa Agenas e i Ministeri della Salute e dell’Economia, per impedire questo nuovo abuso a danno dei calabresi”, concludono.