Reggio Calabria, operazione “Fata Morgana”: un cartello criminale condizionava le attività economiche, 7 fermi e sequestri per 34 milioni

In corso l’operazione “Fata Morgana”, eseguita dagli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria

FISCO:  ABANO DOPO CORTINA, GDF SETACCIA HOTEL TERMALIE’ in corso di esecuzione, dalle prime luci dell’alba, una rilevante operazione (soprannominata “Fata Morgana“) da parte degli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria che ha consentito di individuare alcuni imprenditori e professionisti, partecipi con ruoli organizzativi della ‘ndrangheta reggina; l’indagine ha, inoltre, svelato i collegamenti tra quest’ultima ad una strutturata rete di professionisti, capaci di indirizzare le sorti di rilevanti settori dell’economia cittadina. Sono in corso di esecuzione n. 7 fermi di indiziato di delittosequestrate 12 società e beni per un valore complessivo di circa 34 milioni di euro ed effettuate oltre 30 perquisizioni.

I reati contestati sono associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, intestazione fittizia di beni, aggravati dalle modalità “mafiose”.

Finanza Omar PaceLe indagini, coordinate dalla locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, hanno portato a rilevare l’esistenza di un vero e proprio cartello criminale, presente ed operante nel territorio di Reggio Calabria, in grado di condizionare il regolare svolgimento delle attività economico/imprenditoriali, con particolare riferimento alla grande distribuzione alimentare, sfruttando anche la compiacenza di pubblici amministratori, al fine di ottenere, tra l’altro, l’illecita percezione di profitti.

I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11.00 presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria alla presenza del Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Reggio Calabria Dott. Cafiero de Raho.