Reggio Calabria, operazione “Fata Morgana”. De Raho: “l’ex deputato al centro del coagulo del potere”

conf (2)Il procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero de Raho riguardo l’operazione “Fata Morgana” ha affermato che “sorprende che l’avv. Romeo sia ancora baricentro di rapporti che presiedono le piu’ importanti proiezioni economiche nella citta’ di Reggio Calabria nonostante in passato egli sia stato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa“. Secondo l’accusa, Romeo e gli altri fermati, si muovevano in stretta connessione curando rapporti con la politica e la pubblica amministrazione a prescindere dai partiti per ottenere favori. In particolare si sarebbero serviti delle loro entrature con la politica e con le pubbliche amministrazioni per ottenere vantaggi in grado di condizionare l’economia e l’imprenditoria a Reggio Calabria attraverso l’avvio di importanti iniziative commerciali, come la “Perla dello Stretto”, un maxi centro commerciale situato a Villa San Giovanni. “Il gruppo – ha sottolineato Cafiero de Rahoaveva nei fatti preso il controllo del centro ‘Perla dello Stretto’, gia’ sede della filiale Fiat di Reggio. La figura dell’avv. Romeo emerge come elemento coagulante ai fini della ripresa delle attivita’ commerciali dentro questa grande struttura. Di fatto egli era a capo di un consorzio di cui facevano parte numerosi imprenditori che beneficiano tuttora di punti vendita all’interno della struttura. Chi tentava di ribellarsi a quelli che si possono definire contratti capestro veniva intimidito e colpito come e’ capitato ad un commerciante che ha avuto il punto vendita incendiato. Il lavoro della Guardia di Finanza testimonia quanto sia ancora difficile per gli imprenditori onesti poter lavorare a Reggio, mentre tutto diviene facile per quegli imprenditori che si affidano alla ‘ndrangheta e trovano porte aperte. L’avv. Romeo governava una struttura relazionale in grado di gestire un enorme potere di indirizzo sulle sorti delle principali attivita’ economiche cittadine, enfatizzato dalla situazione di disoccupazione, emergenza di cronico fattore di sottosviluppo. Un sistema asfissiante, perche’, come e’ stato accertato, in grado di influenzare anche la pubblica amministrazione e la politica“. Cafiero de Raho ha sottolineato che “la politica in un territorio come questo deve allontanare quei personaggi che continuano ad essere protagonisti nonostante condanne mafiose. Insisto, e’ triste notare come attorno a questi personaggi si coagulino le piu’ importanti iniziative economiche sul territorio. Eppure tutti conoscono questi personaggi, sanno chi sono ma continuano a farli prevalere. La Calabria deve fare una enorme selezione dei finanziamenti che arriveranno per lo sviluppo affinche’ non finiscano nelle mani dei mafiosi“.