Reggio Calabria, operazione “Fata Morgana”: “Colpita la parte economicamente forte, c’era pericolo di fuga”

In corso di svolgimento a Reggio Calabria in queste ore l’operazione “Fata Morgana”, che ha portato a sette fermi

uardia di finanzaE’ in corso di svolgimento a Reggio Calabria in queste ore l’operazione “Fata Morgana”, che ha portato a sette fermi: secondo il procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero de Raho è stata colpita “quella parte della ‘ndrangheta che l’ha resa forte anche dal punto di vista economico, che ha rapporti con la politica, con le amministrazioni locali, con dirigenti e funzionari pubblici. E’ una parte esponenziale della ‘ndrangheta della provincia di Reggio Calabria“. Tra i fermati anche i “titolari di supermercati, quindi distribuzione alimentare di alto livello che dal punto di vista economico hanno portato avanti il centro commerciale La Perla dello Stretto, anche li muovendosi con un metodo sostanzialmente ‘ndranghetista imponendosi al consorzio di imprenditori che avevano aderito a quel gruppo. E’ una parte molto rilevante dell’economia di Reggio Calabria“. “I fermi sono stati disposti per il pericolo di fuga di alcune posizioni che abbiamo trattato e che erano strettamente connesse alle altre per le quali siamo dovuti intervenire. Qualcuno stava già traslocando e portando via tutto dalla città evidentemente aveva notizia di questo“.