Reggio Calabria, i “Ragazzi della Minniti” hanno festeggiato il cinquantenario di attività dell’ASD Atletica Minniti

festa finale 50 anni minnitiSabato 14 maggio u.s., i “Ragazzi della Minniti” hanno festeggiato il cinquantenario di attività dell’ASD Atletica Minniti. Allo straordinario avvenimento, che si è tenuto in un noto locale della città, hanno partecipato oltre 30 ex-atleti della gloriosa società reggina, che tanto lustro ha dato e continua a dare all’atletica reggina e calabrese e che ha sfornato in questo cinquantennio numerosi campioni, inanellando record in tutte le categorie. Per l’occasione sono giunti in città numerosi ex-atleti provenienti da Milano, Torino, Roma, Livorno, Modena, Imperia, Novara, nonché quelli della provincia reggina e i residenti a Reggio.  L’incontro “amarcord”, ha suscitato in tutti i presenti i ricordi di quegli anni passati, quando ogni atleta era sospinto da vera passione sportiva e dall’attaccamento alla maglietta sociale. Sono stati appunto i colori verde/nero dell’Atletica Minniti a tenere banco nei diversi momenti della bellissima serata. A inizio serata l’attuale presidente Pino Pignata ha tracciato un breve ma significativo ricordo del fondatore della società Pino Minniti (scomparso di recente), grande animatore, motivatore e conoscitore dell’atletica leggera, ma soprattutto dalle straordinarie doti umane, pioniere di un rinnovamento che, a partire dalla metà degli anni “60, ha subito una metamorfosi ed ha coinvolto, fino ad oggi e costantemente, migliaia di giovani atleti reggini. A rappresentare lo scomparso Pino Minniti erano presenti la vedova Gianfranca Campolo, prima persona a rivestire la carica di presidente della società e la figlia Giovanna, tornate per l’occasione in città dall’estero. Nella stessa circostanza sono stati ricordati coloro i quali si sono succeduti nel tempo alla carica di presidente, da Domenico Durante a Cosimo Itri (presente all’iniziativa), da Francesco Pignata  a quello attuale Pino Pignata, che da alcuni decenni guida sapientemente la società. Sono stati ricordati i tantissimi allori conquistati dagli atleti in verde/nero, i titoli italiani e le maglie azzurre indossate in competizioni nazionali e internazionali.

Quest’ultimo ha ricordato ai FERMACARTE ATLETICA MINNITIpresenti il grande riconoscimento sportivo assegnato alla Minniti, insignita dal Coni con la “Stella d’Argento al merito Sportivo” e ha letto il messaggio augurale del presidente federale Alfio Giomi che, per l’occasione, ha voluto rappresentare per iscritto il suo personale apprezzamento per i cinquant’anni di attività della società al servizio dello sport e dell’atletica in particolare. Anche il presidente del Comitato Regionale Fidal Ignazio Vita, presente alla serata, ha voluto esprimere  tutto il suo compiacimento per l’iniziativa, anche perché conoscitore e testimone di quanto la Minniti abbia dato e continua a dare all’atletica leggera in tutti gli ambiti. Sono stati commemorati gli atleti scomparsi (Ninni Delfino, Massimo Guglietti, Claudio Coppola, Diego Sergi, Nicola Malara ed Enzo Pignata) che tanto lustro hanno dato alla Minniti e all’atletica calabrese di quegli anni. Per l’occasione, gli animatori dell’evento hanno predisposto dei gadget commemorativi che sono stati consegnati a tutti i presenti e, tra questi, anche la copia dell’attestato di merito relativo alla Stella d’Argento del Coni. Con il taglio della torta (che rappresentava il campo e la pista di atletica con il logo della Minniti), la consegna dei gadget e la foto ricordo finale di tutti i presenti si è conclusa la splendida serata, che ha avuto il merito di vedere riuniti, dopo tantissimi anni, i pionieri dell’Atletica Minniti negli anni 1965-1970. Presenti: Giovanni Barbucci, Riccardo Barbucci, Renato Cama, Gianfranco Catalano, Gianni Chirico, Piero Corigliano, Enzo Crupi, Rosario Dato, Paolo De Stefano, Umberto Gatto, Pino Giordano, Maurizio Graceffa, Alfredo Itri, Cosimo Itri, Diego Macheda, Carmelo Nunnari, Gianni Pignata, Pino Pignata, Gaetano Ripepi, Crisoforo Salazzaro, Libero Sibio, Salvatore Silivestro, Giulio Tetto, Gregorio Tito, Giacomo Tripodi, Franco Tropea, Mimmo Tropeano, Aldo Valenti e Mario Zolea.

Pino Pignata