Reggio Calabria, i consiglieri di minoranza: “ancora una volta la maggioranza va sotto in commissione controllo e garanzia”

palazzo san giorgio“Si è riunita in data odierna la Commissione Controllo e Garanzia, presieduta dal Consigliere Comunale Antonio Pizzimenti, al fine di discutere con il coinvolgimento delle OO.SS. e delle Associazioni di Categoria degli imprenditori, degli esercenti e dei consumatori, la proposta del Consigliere Comunale Pasquale Imbalzano avuto riguardo alla delibera di Giunta Municipale n° 53 del 31 marzo 2016 in tema di “Aggiornamento dei diritti di segreteria – Settore Pianificazione Urbana. Alla presenza dei rappresentanti intervenuti rispettivamente della Filca-Cisl, Fillea-Cgil, Femea-Uil, Ance-Rc e Confedilizia, sono stati trattati una serie di riflessi negativi derivanti dall’applicazione della delibera in questione che ha previsto l’aggiornamento in aumento dei diritti di segreteria relativi alle istanze per i procedimenti amministrativi afferenti al Settore Urbanistica”, scrivono in una nota i consiglieri comunali di minoranza della commissione controllo e garanzia Maiolino, Imbalzano, Pizzimenti, Dattola, D’Ascoli, Ripepi. “Nel contesto del dibattito – prosegue- è emerso che dall’attuazione di questa iniqua delibera i vantaggi per il contesto socio-economico locale sono pressoché inesistenti, anzi dall’esecutività dell’elevate tariffe deliberate si evidenziano effetti distorsivi, negativi e opposti rispetto agli scopi di espansione imprenditoriale che la Giunta aveva inteso fissare nel provvedimento. Infatti si è evidenziato, da parte di tutti gli intervenuti, come l’innalzamento indiscriminato dei livelli tariffari produca una contrazione nell’attività procedimentale dell’Ente, da cui si determina-in via ulteriore- una fortissima diminuzione delle entrate comunali, in un settore strategico per l’amministrazione comunale e che contribuisce ad alimentare i grandi volumi economici del territorio. Stupisce – aggiunge- come la Giunta in una deliberazione avente forte impatto economico sul tessuto socio imprenditoriale ha inteso operare una valutazione politica radicalmente astratta, a riprova di un’evidente distacco dalla realtà, che non guarda alle dinamiche nefaste e distruttive che si realizzano sul già debole tessuto socio-economico cittadino. Il tutto aggravato dalla puerile colpa di non aver mai voluto incardinare un proficuo e preliminare confronto con tutte le associazioni di categoria, circostanza che si è invece felicemente concretizzata nella riunione odierna. Alla luce di queste ragioni, peraltro condivise dai colleghi di maggioranza, il Presidente Pizzimenti ha proposto che la Commissione deliberasse il superamento dei contenuti palesemente iniqui della delibera n.53 del 31 marzo 2016, con una immediata sospensione degli effetti negativi della stessa e l’istituzione di un tavolo tecnico permanente con il coinvolgimento di tutte le OO.SS. e delle Associazioni di Categoria unitamente al Settore Urbanistica del Comune. In esito alla votazione, la proposta è stata accolta con i voti favorevoli dei soli consiglieri di minoranza (Pizzimenti, Imbalzano P., Maiolino, D’Ascoli, Dattola Luigi e Ripepi) e con il voto incomprensibilmente contrario della maggioranza (Minniti, Iachino, Sera, Quartuccio e dell’ex Consigliere di minoranza Demetrio Marino)”, conclude.