Reggio Calabria, ennesimo esposto dell’Uil in merito alla gestione dell’Azienda Sanitaria Provinciale

sanità“Ennesimo esposto, inviato alle Autorità Competenti, in merito alla “Gestione” dell’Azienda Sanitaria Provinciale di RC, al fine di valutare se siano state poste in essere condotte sanzionabili sotto il profilo amministrativo-contabile-penale, anche, da parte della “Triade” commissariale che ha appena concluso il proprio mandato.  L’occasione è utile per stigmatizzare il comportamento irresponsabile della Giunta Regionale che nella seduta di ieri non ha inteso nominare, per l’ASP più disastrata d’Europa, un Direttore Generale, abbandonando di fatto, la provincia di Reggio Calabria ad una deriva sanitaria senza precedenti. Probabilmente il “calcolo” e gli “equilibrismi”, more solito, hanno preso facilmente il sopravvento rispetto al senso del dovere e della responsabilità ormai virtù politiche smarrite irrimediabilmente”, scrive in una nota il Segretario Generale Provinciale Nuccio Azzarà.  ”L’ASP -prosegue- per insipienza degli “eletti”, viene lasciata senza conduzione alcuna ed è destinata a trascinare nel baratro del fallimento sanitario tutta la Calabria, infatti, il “Tavolo Adduce”, nella seduta di Aprile, ha cassato la premialità annuale pari a 100 milioni di euro, previsto per le regioni soggette a piano di rientro, per il disastro finanziario che si è consumato, proprio, presso l’ASP di Reggio Calabria”, conclude.

Esposto Asp