Nasce una rete contro il caporalato e lo sfruttamento del lavoro

caporalatoE’ nato ieri un progetto che rafforzerà le attività di contrasto ai fenomeni del caporalato e dello sfruttamento del lavoro agricolo. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha siglato un protocollo d’intesa con i ministri del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti e il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina. “Oggi – afferma Alfano – si aggiunge lo spirito di squadra per stroncare il fenomeno del caporalato che toglie dignità al lavoro e mina le risorse delle regioni afflitte da questa piaga”. “Abbiamo fatto un accordo che attribuisce compiti e responsabilità precise, con la regia delle prefetture”, prosegue Alfano.  L’accordo consentirà di realizzare una rete in cui saranno coinvolti tutti i soggetti interessati, tra cui: Ispettorato nazionale del lavoro, regioni Basilicata, Calabria, Campania, Piemonte, Puglia e Sicilia, organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, associazioni di categoria Coldiretti, Cia, Copagri, Confagricoltura, e Cna, Acli Terra, Alleanza delle Cooperative, Caritas, Libera e Croce Rossa Italiana. Una cooperazione che rafforzerà gli interventi di contrasto su tutto il territorio, ma in particolare nelle province di: Bari, Caserta, Foggia, Lecce, Potenza, Ragusa e Reggio Calabria.