Muore il leader radicale Marco Pannella, Renzi: “Un leone della libertà”

Marco Pannella, da sempre impegnato nelle lotte per i diritti civili, ha perso la battaglia più importante: quella contro due tumori

MARCO-PANNELLA-STORACE-770x513Parlava liberamente del male che da anni lo aveva colpito e che da anni lo impegnava nella lotta più dura: quella contro due tumori, uno al fegato e uno ai polmoni. Una battaglia troppo dura che alla fine ha perso: si è spento oggi Marco Pannella, il politico leader radicale famoso per le sue battaglie per i diritti civili, nella clinica in cui era ricoverato. A darne l’annuncio è Radio Radicale durante una diretta.
Marco Pannella aveva da poco compiuto 86 anni, buona parte dei quali impegnati nel suo partito politico, provando a far valere le proprie idee. Un personaggio atipico rispetto a molti suoi colleghi:  si ricorda principalmente per i suoi scioperi della fame e della sete, ma anche per l’arresto per aver fumato uno spinello in pubblico nel lontano 1975, nonché per la sua vita sentimentale legata da sempre a una donna, Mirella, ma anche ad alcuni uomini.
Il premier Matteo Renzi gli ha reso omaggio con queste parole: ”Un grande leader politico, il leader radicale che ha segnato la storia di questo paese con battaglie talvolta controverse ma sempre coraggiose e a viso aperto. Rendo omaggio a nome mio e del governo alla storia di questo combattente e leone della libertà“.