Messina, fermate quei nastri: i condomini del palazzo sotto cui fu assassinato De Francesco temono per il valore dell’immobile

Sarebbe pronto un ricorso civile per tutelare l’immagine del condominio e evitare una brusca perdita di valore degli appartamenti. L’omicidio che scosse Messina torna all’ordine del giorno

pistolaLa scena del delitto non è stata immortalata, ma l’agguato ai danni di Giuseppe De Francesco è stato ripreso nei suoi attimi finali, quando i soggetti in seguito fermati dagli agenti tentarono la fuga. Sullo sfondo un condominio, la cui immagine – a giudizio di alcuni inquilini – sarebbe stata lesa. Da qui la decisione degli stessi di ricorrere in sede civile per tutelare l’onorabilità del palazzo e di chi lo abita, vieppiù considerando la messa in vendita di alcuni appartamenti di cui si teme, allo stato attuale, la brusca perdita di valore.