Messina, avviato il percorso di alternanza scuola-lavoro promosso con il Liceo Artistico E. Basile

FOTO ALTERNANZIn ragione delle finalità e dall’esplicito riferimento al settore delle attività culturali l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali ha autorizzato la sottoscrizione di percorsi di alternanza scuola-lavoro, così come previsti dalla Legge n. 107/2015, da organizzarsi nelle proprie strutture. Si è così avviato il 18 maggio il primo progetto proposto dal Liceo Artistico “Ernesto Basile” al Museo Regionale di Messina. Il percorso, formalizzato da apposita convenzione sottoscritta dal Direttore del Museo regionale Caterina Di Giacomo ed il Dirigente dell’Istituto scolastico Giuseppa Prestipino, dal titolo “Museo Vivo. L’osservazione e la scoperta dei materiali e della forma del tessuto” si propone di attivare, secondo i criteri esplicitati dalla recente riforma “La Buona Scuola”, processi formativi in sinergia con le Istituzioni, al fine di ridurre il divario tra le competenze richieste dal mondo del lavoro e quelle prefissate dall’indirizzo scolastico. Tante le richieste pervenute al referente dei Servizi Educativi del Museo, Elena Ascenti, che saranno valutate per il prossimo anno scolastico e che confermano il legame sempre più produttivo del mondo della Scuola con la principale Istituzione culturale della città. I 19 studenti della classe III B del Liceo Artistico “Ernesto Basile” di Messina, indirizzo Design della Moda, beneficiari del percorso di alternanza saranno guidati dai tutor Silvana Parisi, loro docente di progettazione moda, e Giusy Larinà, storico dell’arte del Museo Regionale, esperto di arti decorative. Alla fase formativa che prevede lo studio e l’osservazione dei motivi ornamentali nelle arti applicate (tessuti, argenti, marmi intarsiati e gioielli), e nelle opere pittoriche e scultoree delle ricche collezioni museali, e quindi l’evoluzione decorativa del tessile nei secoli seguirà la fase progettuale con laboratori per la creazione di bozzetti di abiti moderni per una collezione di moda, e progetti di installazioni con abiti di scena contestualizzate nelle sale museali. Infine saranno realizzati manufatti dipinti a mano ispirati alle antiche decorazioni tessili.