Maxi controlli e perquisizioni sui Nebrodi [DETTAGLI]

Gli uomini della Guardia di finanza di Messina hanno perquisito stamane una trentina di centri d’assistenza agricola che gestiscono le istruttorie per la richiesta di finanziamenti statali e dell’Unione europea

Finanza Omar PaceContinua il lavoro di controllo del territorio delle forze dell’ordine sui Nebrodi a pochi giorni di distanza dall’attentato al presidente del parco, Giuseppe Antoci. Gli uomini della Guardia di finanza di Messina hanno perquisito stamane una trentina di centri d’assistenza agricola che gestiscono le istruttorie per la richiesta di finanziamenti statali e dell’Unione europea. La procura vuole capire se dietro le truffe ci siano singoli imprenditori o si nasconda una vera e propria organizzazione criminale. Finora sono circa 80 le persone denunciate nel messinese. Sono inoltre attivi i controlli antimafia incrociati dell’Agea (Agenzia erogazioni in agricoltura) e del Corpo forestale, che analizzano le pratiche sui fondi Ue, privilegiando quelle che riguardano le province siciliane piu’ a rischio. La task force operativa, annunciata dal ministro Maurizio Martina, ha cominciato con il verificare se i beneficiari dei premi Pac sono in regola con la certificazione antimafia, anche sotto la soglia stabilita dalla legge in 150 mila euro.  Le Fiamme gialle, su cento controlli compiuti da inizio anno nell’ambito dei fondi pubblici in agricoltura, hanno verificato che su 11 milioni di finanziamenti elargiti, 5 risultano viziati da irregolarità.