L’azienda reggina Romanella protagonista al salone internazionale dell’alimentazione “Cibus” di Parma [FOTO]

STANDDopo un’attesa lunga 40 anni, il Cibus di Parma, nella sua edizione 2016, ha potuto gustare tutti i prodotti Romanella, ospite dello stand della Provincia di Reggio Calabria. Ed è bastato poco perché “La Bergamella” e il “Caffè Siesta” diventassero protagoniste assolute al salone internazionale dell’alimentazione.  Reduce dal recente successo ottenuto al Vinitaly, l’azienda reggina ha bissato conquistando più di mille buyer, italiani ed esteri, con i suoi sapori mediterranei, ma anche con lo stile indiscusso dell’eleganza che ha contraddistinto l’esposizione Romanella divisa tra la sua quarantennale storia, con le vecchie bottiglie tra cui anche la nota “Bottiglia Con La Pallina”, e la valorizzazione dei prodotti unici del territorio reggino come il bergamotto ingrediente principale de “La Bergamella”, gusto prediletto del padiglione. ”Sono certo che il bergamotto – ha dichiarato l’amministratore della Romanella Drinks, Salvo Presentino – stia vivendo una nuova vita. Noi ci crediamo molto e lo constatiamo dall’interesse dei consumatori che iniziano a capire cos’è. Romanella è riuscita a proporre l’agrume in una bibita piacevole che consente di viverlo nel modo più corretto. Chiaramente su scala nazionale ci vorrà un po’ più di tempo per riuscire ad inserirlo nei consumi abitudinari, ma sono ottimista, anche perché qualche multinazionale italiana ha iniziato a proporlo sotto altre forme”.  Lo stand Romanella, nei cinque giorni di fiera, è stato un vero punto di ritrovo per molti concittadini con la Siesta ritrovavano la giusta grinta per continuare la visita della grande fiera. ”Naturalmente – ha aggiunto Presentino – Siesta Caffè, prodotto ormai consolidato in Calabria, ha rubato i cuori degli stranieri, proponendosi come novità a livello internazionale. Sia la Bergamella che il Caffè Siesta, possono essere il giusto traino per la Calabria che può riscattarsi grazie all’eccellenza Calabrese”.  L’aministratore ha sottolineato come questo sia “un momento pieno di soddisfazioni. Il Vinitaly, il San Giogio D’oro conferito dalla nostra città, e per ultimo il successo internazionale ottenuto al Cibus, sono la prova che l’azienda è stata, è e sarà sempre in prima linea per difendere la qualità dei prodotti tradizionali, ricette con un secolo di storia che, purtroppo, con la ricerca del low cost si stanno perdendo”.  ”Ringrazio – ha concluso Presentino – la Provincia di Reggio Calabria, il presidente Giuseppe Raffa, l’assessore alle Attività produttive ed il suo staff per averci concesso questa straordinaria opportunità, e sopratutto per l’impeccabile organizzazione dell’evento. E’ stato un onore per noi rappresentare la ‘Buona e Bella’ provincia di Reggio Calabria”.