La Cisl Fp incontra le insegnanti delle scuole dell’infanzia del comune di Reggio Calabria

Cisl ScuolaProsegue instancabilmente l’attività sindacale della CISL FP aziendale al Comune di Reggio Calabria. Si è svolto infatti, con le insegnanti delle scuole dell’infanzia comunali, il primo di una serie di incontri con i lavoratori del Comune di Reggio Calabria, programmati per i diversi Settori. Nell’incontro con le insegnanti, molto partecipato, alla presenza della Segretaria Generale della Funzione Pubblica Luciana Giordano, del Segretario aziendale Aldo Russo e dei Dirigenti sindacali componenti del Direttivo Giuseppe Falcone, Aldo Lombardo e Isabella Topputi, si è discusso dei numerosi problemi inerenti la delicata attività nelle scuole materne nel Comune di Reggio Calabria.  Le maestre delle scuole dell’infanzia comunali, hanno rappresentato e denunciato lo stato in cui sono costrette ad operare ormai da diversi anni, evidenziando una situazione di disagio per tutta una serie di problematiche. A cominciare dalla carenza di personale, determinata certamente si dalla normativa nazionale in materia di blocco del turnover e dalla precaria condizione finanziaria dell’Ente, ma che non  può essere sottovalutata per l’impatto prodotto sull’organizzazione del relativo servizio, che rischia di essere interrotto nel caso di assenza a qualsiasi titolo di un’insegnante, le cui funzioni didattiche ed educative devono essere surrogate da un’altra maestra, costretta ad assumersi la responsabilità di gestire contemporaneamente due classi. Una situazione, quella della carenza di organico che peggiora di anno in anno e che è aggravata dal fatto che mancando anche le insegnanti di sostegno le scuole d’infanzia comunali restano inibite ai bambini portatori di handicap. Ma nel corso dell’assemblea sono state rappresentate ulteriori carenze di svariato genere, quali la mancanza di fondi destinati alla didattica, la totale assenza di adeguati percorsi di formazione ed aggiornamento per le insegnanti, la mancata previsione di specifici sistemi incentivanti. Una situazione dunque che si inserisce nel più ampio contesto nazionale di disagio vissuto nel sistema delle Autonomie Locali, laddove il Settore scolastico/educativo, negli ultimi anni, ha subito un profondo attacco, tanto da indurre il Sindacato Confederale ad organizzare il 19 maggio scorso una forte e partecipata protesta davanti a Montecitorio. In molte realtà la presenza di scuole e asili pubblici si è notevolmente indebolita, gli organici sono stati ridotti, le condizioni di lavoro sono notevolmente peggiorate e le lavoratrici a termine non trovano la necessaria stabilizzazione dopo anni di precariato. Il tutto a grave pregiudizio dei diritti dei bambini e delle loro famiglie. Considerato che le suddette maestre operano quotidianamente con bambini molto piccoli, è evidente l’esigenza di avere da parte dell’Amministrazione comunale una maggiore attenzione per il Settore educativo. La CISL FP di Reggio Calabria chiede ed auspica di trovare con i vertici dell’Amministrazione Comunale, un sereno e aperto confronto al fine di valutare la situazione nel suo insieme e verificare se sussistono le condizioni per affrontare e risolvere i problemi emersi nel corso dei lavori assembleari, compatibilmente con le difficoltà che l’Amministrazione attraversa in questo periodo. L’attività sindacale del Direttivo aziendale CISL FP del Comune di Reggio Calabria nei prossimi giorni proseguirà anche negli altri Settori. Il 30 maggio è programmato  l’incontro con i lavoratori nell’importante Settore dei cimiteri. E via successivamente anche interessando tutti gli altri Settori.