Inchiesta “Fata morgana”: era Romeo a scrivere le interrogazioni parlamentari di Scilipoti

Paolo Romeo, condannato dopo l’inchiesta “Fata morgana”, sembra essere l’autore di alcune interrogazioni parlamentari firmate dal Senatore Domenico Scilipoti

Domenico-ScilipotiUna collaborazione lavorativa molto particolare quella tra il senatore Domenico Scilipoti (Forza Italia) e l’avvocato Paolo Romeo, ex deputato del Psdi condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, secondo i risultati dell’inchiesta della Procura di Reggio Calabria che lo vedrebbe ai vertici di un sistema composto da imprenditori e professionisti capaci di condizionare l’economia della città.
Si parla di una violazione della legge Anselmi da parte di tutti gli indagati e del presidente di “Cittadinanza Attiva” Domenico Pietropaolo, che avrebbe portato alla Commissione permanente Affari costituzionali la questione dell’ “Area metropolitana dello Stretto”, particolarmente cara a Romeo. Missione possibile soltanto con i giusti agganci, tra i quali sembrerebbe rientrare il senatore Scilipoti. Secondo ilfattoquotidiano.it, quest’ultimo avrebbe intrattenuto diverse telefonate con Romeo, non solo per quanto riguarda l’Area metropolitana dello Stretto ma anche per la creazione di un polo Agroalimentare, durante le quali il senatore confermava la sua disponibilità per le interrogazioni parlamentari.
Tra i vari progetti da discutere, anche quello del Ponte sullo Stretto.
Eppure il senatore Scilipoti, interrogato dal fattoquotidiano.it sembra non essere a conoscenza della condizione giudiziaria dell’avvocato Romeo  e afferma di non coglierne il nesso con le sue interrogazioni parlamentari, emerse proprio dall’inchiesta “Fata Morgana”.