Gentile: “si rompono le radiologie di Polistena e Gioia Tauro niente soldi per ripararle”

TAC-Radiologia-Lamezia“Da qualche giorno sono fermi i telecomandati degli ospedali di Polistena e Gioia Tauro, apparecchiature radiologiche necessarie per fare diagnosi agli ammalati ricoverati e ai cittadini della Piana di Gioia Tauro. Nonostante la tempestiva segnalazione indirizzata ai responsabili della Direzione dell’Aziendale Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, ad oggi, non è stato disposto l’intervento tecnico di riparazione. Nel frattempo, il Dott. Cordopatri Direttore delle radiologie della Piana, ha provveduto a far convergere i pazienti presso l’unica radiologia dove è presente un telecomandato funzionante, quella dell’ex ospedale di Palmi, attivandone il funzionamento  sulle 24 ore. Questo scenario è alquanto sconcertante se ci fermiamo un attimo per riflettere sui costi del personale e delle ambulanze necessari per il continuo trasferimento di ammalati dagli ospedali di Polistena e Gioia Tauro verso Palmi”, scrive in una nota il segretario generale Sulpi Giuseppe Gentile. “Se poi a questi costi -prosegue- si aggiungono i tempi lenti della diagnosi/cura e il grave disagio imposto agli ammalati contornato dall’elevato rischio per la salute dell’ammalato critico, l’ennesimo piattino di mala sanità è servito a dovere. In verità si può affermare la consapevole presunzione di chi intende spendere di più e mettere a rischio la salute delle persone sofferenti, trascurando l’obbligo istituzionale di un tempestivo intervento per riparare queste indispensabili attrezzature radiologiche. Insomma, ancora una volta ci troviamo costretti a registrare l’ennesima beffa propinata all’ignaro ammalato costretto a pagare una Servizio Sanitario Pubblico inefficiente, sicuramente per colpe delle passate gestioni ma, con una scarsa visione nell’affrontare l’attuale emergenza. A breve, l’ASP di Reggio Calabria, dovrà assumere personale Medico e Tecnico per rafforzare l’organico di Radiologia. Forse sarebbe utile affrettarsi per riparare queste attrezzature”, conclude.