Condofuri (RC): dissequestrato il lido “Sole Nero”, procedimento archiviato

PARTICOLARE DELLA STRUTTURA SEQUESTRATAIn merito alla notizia del sequestro del lido “Sole Nero” sito a Condofuri nel reggino, gli avvocati Giuseppe Musolino e Anna Gurzi rendono noto che la struttura è stata dissequestrata e il procedimento è stato archiviato.

Con la stagione estiva ormai alle porte una buona notizia giunge per tutti gli affezionati avventori del lido “Sole Nero”, punto di riferimento per il relax e il divertimento durante le calde giornate della bella stagione sul lungomare di Condofuri.

Il Lido era stato sottoposto a sequestro nel mese di ottobre del 2015 dal Tribunale di Reggio Calabria per presunte carenze di titoli concessori ed edilizi, accuse però rivelatesi in brevissimo tempo prive di fondamento. Già nel mese di gennaio 2016, infatti, il P.M. titolare del procedimento disponeva il dissequestro provvisorio dell’area e delle strutture balneari, accogliendo una prima istanza all’uopo formulata dagli avvocati Giuseppe C. MUSOLINO e Giorgio VIZZARI, difensori di fiducia del titolare dello stabilimento, sig. Sebastiano NUCERA.

FOTO STRUTTURA SEQUESTRATASuccessivamente, con provvedimento del 22 marzo 2016, lo stesso P.M., sposando in toto le tesi difensive rappresentate all’interno di un’ulteriore istanza dagli avv.ti Musolino e Vizzari, dissequestrava totalmente il lido “Sole Nero” ed al contempo richiedeva al GIP l’archiviazione del procedimento penale a carico del sig. Nucera. In particolare gli avv.ti Musolino e Vizzari, nell’ultima istanza, evidenziavano e documentavano l’infondatezza degli elementi probatori ritenuti indizianti nei confronti del proprio assistito, sicché lo stesso P.M. giungeva ad affermare che “i fatti devono essere riconsiderati alla luce della memoria presentata dei difensori dell’indagato” i quali hanno dimostrato come non vi siano elementi “idonei a sostenere l’accusa in giudizio”. Infine, il GIP del Tribunale di Reggio Calabria, accogliendo la conforme richiesta di archiviazione formulata dal P.M., emetteva decreto di archiviazione del procedimento penale a carico del sig. Nucera, giudicando assolutamente infondata la notizia di reato inerente gli abusi ipotizzati.