Cinema, “Pericle il nero”: Scamarcio torna nelle sale di Reggio Calabria

Un Riccardo Scamarcio nuovo, nelle vesti di un temibile malavitoso ma che nasconde un cuore ancora capace di innamorarsi: “Pericle il nero” nei cinema di Reggio Calabria

scamarcioPericle il nero è un romanzo di Giuseppe Ferrandino, racconta la storia di uno sgherro della Camorra che a sua volta sgarra venendo immediatamente silurato, ma non solo questo. La storia ha colpito talmente tanto Riccardo Scamarcio da portarlo a produrre e scrivere assieme al regista Stefano Mordini questo film straordinario, dove il bel protagonista di “Tre metri sopra il cielo” finalmente si toglie gli abiti da bravo ragazzo che gli stanno ormai stretti per quelli di Pericle, anche noto come “Il Nero” che di mestiere fa il “culo alla gente”.
Pericle vive a Bruxelles e fa parte della cellula camorristica della zona, è un uomo solo, vive alla giornata e il suo ruolo è quello di braccio violento della malavita, impartisce lezioni a dei poveri malcapitati e si occupa di protezione, ma ha anche un hobby, quello di partecipare come attore nei film a luci rosse. Quando Don Luigi gli affida il compito di sorvegliare la sorella di un altro capo bastone però il Nero commette un errore atroce uccidendola (forse) per errore. L’unica via d’uscita è la fuga e Don Luigi gli darà una mano. Quando però nel suo covo si presentano due loschi tizi capisce che il suo padrino non è stato del tutto di parola e decide così di darsi alla fuga.  Arrivato in Francia, a Calais cerca di ricominciare da capo anche grazie alla bella Anastasia, madre single di due figli che restituirà a Scamarcio gli stretti abiti da Latin Lover, facendo uscire dal quel rozzo camorrista tutti i migliori propositi che si devono incontrare in un padre: la presenza, la tenacia, l’amore. Ma Pericle è stato un camorrista, e quelli sono degli abiti che di dosso non ti scolli mai.

Finalmente il ritorno di un bel noir targato made in Italy con un ottimo lavoro di Scamarcio che ha dato l’idea, ma che è stato anche ripagato, infatti “Pericle il Nero” è stato l’unico film italiano ad essere stato inserito nella categoria “Un Certain Regard” al festival di Cannes.

Roberto Crucitti