Chiusura in attivo per il consorzio Calabria 30

vincenzo siclariIntervengono il presidente dell’assemblea dei Sindaci – Giuseppe D’agostino – e il liquidatore del consorzio – Vincenzo Cristian Siclari, i quali, nel raccontare gli ultimi anni di vita dell’ente da loro rappresentato, non possono far altro che manifestare in pieno la loro soddisfazione, per i numerosi interventi realizzati grazie alla società CPL, nelle persone di Carlo Porta e Bruno Sperlì, ed al lavoro di tutta la squadra. In breve non possono non essere menzionati i lavori di completamento della metanizzazione in alcune zone dei Comuni consorziati. Di particolare rilievo la nuova estensione della rete nel quartiere di Piale di Villa San Giovanni, completata nel dicembre 2012, con l’accensione della prima fiamma, per un importo di circa € 400.000,00# (quattrocentomila/00). Un investimento voluto dal C.D.A., dalla società CPL e da tutti i Comuni facenti parte del Consorzio Calabria 30 (Villa San Giovanni, Bagnara Calabra, Scilla, Fiumara di Muro, Campo Calabro, Calanna, San Roberto, Laganadi, Sant’ Alessio in Aspromonte, Santo Stefano in  Aspromonte). Ed ancora , i lavori per gli allacci in tutte le scuole e per l’intero Comando Stazione Carabinieri di Villa San Giovanni. Un’impresa, quest’ultima, attesa da dieci anni e che ha interessato, con il posizionamento della condotta, anche il sottopasso delle Ferrovie dello Stato. Per quanto riguarda la vigilanza ed il controllo sulla distribuzione e vendita del gas – continuano Siclari e D’agostino -, nessuna interruzione si è verificata, e per quel che concerne l’utenza, grazie anche alle nuove estensioni, la stessa risulta incrementata del 40 %  circa del totale di abbonati risultanti dall’ultimo censimento. Adesso,  il Consorzio Calabria 30, grazie anche ai revisori dei conti e successivamente all’esperto contabile Enzo Cuzzola, chiude definitivamente col botto e con un attivo di diverse decine di migliaia di euro che saranno versate, nei prossimi giorni, nelle casse del comune di Villa San Giovanni, che è l’ente capofila, il quale provvederà, a sua volta, ai successivi ed eventuali adempimenti di ripartizione tra gli enti consorziati. Siclari e D’agostino così concludono: “ In questi anni di positiva esperienza amministrativa, basata su fatti concreti e non su passarelle di comodo, è stata segnata in attivo la storia della nostra comunità, grazie al lavoro di squadra che ha saputo concretizzare gli impegni presi in risultati concreti“.