Calanna tra i Comuni che hanno beneficiato di un contributo per il “patto per la città metropolitana”

foto castelloIl Comune di Calanna rientra tra i Comuni che nell’ambito del “patto per la città metropolitana” di Reggio Calabria sottoscritto il 30 aprile u.s. tra il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ed il Sindaco Giuseppe Falcomatà ha beneficiato di un cospicuo contributo di € 600.000,00 per il recupero e la rifunzionalizzazione del Castello Normanno – Bizantino e il recupero urbanistico del percorso verso la Necropoli Protostorica.
Il Sindaco Domenico Romeo esprime “grande apprezzamento verso il Sindaco Giuseppe Falcomatà per le spiccate capacità amministrative e politiche dimostrate e per la matura volontà di recepimento delle istanze dei Comuni. Queste capacità ed una idea di sviluppo dei territori partecipata e condivisa che, il futuro Sindaco metropolitano ha messo al servizio di tutte le Amministrazioni Comunali coinvolte, hanno consentito di raggiungere un risultato che, sicuramente, sarà portatore di positivi effetti in termini di miglioramento delle capacità attrattive e turistiche della costituenda citta metropolitana di Reggio Calabria e, non meno importante, nuove opportunità di lavoro per i disoccupati calabresi.”
Il Sindaco esprime un forte ringraziamento anche all’assessore al bilancio del Comune di Reggio Calabria Armando Neri e all’Arch. Gerardo Pizzone per il forte contributo di idee e competenze apportato.
Analizzando poi nello specifico cosa vuol significare tale contributo per il Comune di Calanna, il Sindaco Domenico Romeo continua dimostrandosi “molto soddisfatto di questo importante risultato che consentirà attraverso il recupero e la rifunzionalizzazione del Castello Normanno – Bizantino e il recupero urbanistico del percorso verso la Necropoli Protostorica di proseguire un lavoro, avviato dall’Amministrazione Comunale, rivolto alla gestione e valorizzazione delle emergenze archeologiche e del patrimonio storico presenti nel Comune.
Calanna possiede, infatti, uno dei patrimoni archeologici più importanti del reggino, con la Necropoli di Contrada Ronzo, il Castello Normanno – Bizantino, il geosito con le sue tracce di insediamenti rupestri, l’area archeologica di Imperio e l’area Bizantina di Contrada Marchese. Tale intervento, quindi, che interessa una delle fortificazioni che storicamente ebbe maggiore rilievo politico e militare nell’area dello Stretto, unitamente alla programmata apertura del Museo Civico Archeologico di Contrada Ronzo, ed al centro servizi per il sistema di ospitalità diffusa da poco realizzato a Calanna Centro, costituiscono importantissimi tasselli per il potenziamento della capacità attrattiva del territorio che sicuramente consentiranno a Calanna – con le sue eccellenze storico-culturali, archeologiche ed ambientali – di ritagliarsi un ruolo importante nell’offerta culturale che necessariamente dovrà essere al centro delle politiche di sviluppo della Città Metropolitana.”
Infine conclude il Sindaco precisando che “Per tale traguardo l’ Amministrazione Comunale vuole, ovviamente, gioire con tutti gli altri Comuni che hanno condiviso questo esempio di buona pratica amministrativa e con l’intera Comunità che condivide questo progetto di messa a sistema dell’offerta turistica che guarda al futuro ma che affonda le sue radici nella ricca storia di Calanna che, troverà in una città metropolitana aperta e condivisa alle istanze anche dei piccoli comuni, come la filosofia alla base di tale “Patto” dimostra , opportunità di rilancio e di visibilità ”.