Calabria, Usb: “i vigili del fuoco chiamano e l’assessore Roccisano non risponde”

usb scuola“Siamo alle solite…la politica calabrese continua ad assumere un comportamento “agnostico” e altamente indifferete nei confronti di tutti i “LAVORATORI”, in particolare dei precari e permanenti dei Vigili del Fuoco della Calabria. L’ Unione Sindacale di Base tende ad evidenziare che nell’incontro avvenuto tanto tempo fa a Reggio Calabria tra il Coordinamento Regionale della Calabria USB dei Vigili del Fuoco e l’assessore Federica Roccisano, sono state illustrate alcune linee guida per la salvagruardia del territorio e la prevenzione della macchia mediterranea della Calabria. E’ stata documentata la realtà quotidiana che vive il comparto VVF della Calabria, lo stesso assessore nella stessa seduta ci aveva rassicurati che avrebbe organizzato un incontro tempestivo con gli addetti ai lavori, per la tutela e la prevenzione di tutta la popolazione calabrese, specificando che l’incontro sarebbe avvenuto citando testualmente “ IN UN PAIO DI GIORNI”. La scrivente ha atteso più giorni, senza risultare “pignola” o per meglio dire “tartassante”, per quanto comunicato e stabilito dalla stessa Roccisano nella suddetta riunione”, scrive in una nota Giancarlo Silipo dell’Usb.Ad oggi-prosegue- il risultato del “ buonismo“ nei confronti della politica qual’è? nessun riscontro, ed ogni qual volta le è stato chiesto quanto ancora avremmo dovuto attendere per avere questo immenso onore di esporre i problemi della salvaguardia del territorio calabrese con l’imminenza della Campagna Antincendio Estiva, che si presume sia molto calda…la risposta era sempre la stessa tramite messaggio di testo: “IL VOSTRO INCONTRO E’ TRA LE PRIORITA’ “. Da quell’incontro sono passati esattemente quasi due mesi e ancora non si vede luce di un tavolo di confronto, per arrivare ad una possibile convenzione con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco per la slavaguardia del territorio calabrese. Inoltre – aggiunge- lo stesso Coordinamento Regionale dell’ USB VVF della Calabria ha voluto fare un ultimo tentativo, inviando all’assessore un telegramma, ove vi era un’ennesima richiesta di incontro come da accordi pattuiti, ma ad oggi anche questo è diventato carta da riciclo!!! Infine tutti i lavoratori di comparto non solo devono subire tutte le pressioni che gli si presentano giornalmente sul proprio posto di lavoro, ma continuano a denunicare nelle stanze del nostro sindacato, che sono stanchi di esssere presi per i “fondelli”, ed è venuto il tempo di dire basta a queste forme di indifferenza!!! Chi ha la rappresentanza politica in questa regione non può “NON VOLERE” la tutela del territorio e dei suoi cittadini!! L’ USB non resterà ancora ad aspettare, poichè quando tutto sara’ bruciato o alla prossima pioggia un pò più insistente tutto il teritorio frani e crei altri danni ed altri morti, la stessa assista alle “PASSERELLE DEL DOLORE” !!! Questo sopratutto lo diciamo anche alla popolazione…Facciamo in modo che gente così non parli per noi…Facciamo in modo che gente così non ci rappresenti… Facciamo che tutto quello vissuto fino ad ora, possa chiamarsi “PREVENZIONE” domani…per tutelare sia i cittadini, ma anche i lavoratori precari e permanenti dei Vigili del Fuoco sottoposti ad un surplus di lavoro inaccettabile. La politica ha l’obbligo di “OFFRIRE” alla gente della Calabria un soccorso tecnico urgente altamente qualificato in base agli Standard Europei, giungendo alle stipulazioni di convenzioni con il CNVVF per come avviene in tutte le regioni d’Italia”, conclude.