Calabria, un lettore scrive a StrettoWeb: “i concorsi della società in house Portanova Spa sono riservati a chi ha già lavorato”

lavoroUn lettore, Carlo Ranieri, scrive a StrettoWeb sulla società in house Portanova Spa del Consiglio regionale della Calabria:
“Si rappresenta che la società in house Portanova spa del Consiglio regionale della Calabria, con effetto dal 1/1/2016, ha licenziato n. 22 dipendenti  a tempo determinato. Stranamente ora viene fatto un bando per n. 23 unita, dove viene richiesto il requisito:
Art. 5 – Requisiti specifici per la partecipazione alla selezione Ai candidati sono richiesti i seguenti requisiti specifici:  Diploma di  scuola media secondaria quinquennale;  Comprovata esperienza lavorativa non inferiore a 2 anni, negli ultimi 5 anni anteriori alla data di scadenza del presente avviso pubblico, presso una Pubblica Amministrazione, soggetti privati o una Società in house providing nello svolgimento di almeno una delle attività di cui all’art. 3.
 
Da genitore di due figli disoccupati, mi domando la PP.AA. non poteva fare un bando dove partecipavano tutti i cittadini e poi qualificarli con dei corsi professionali, senza metter il requisito di cui all’art.5. Può il Consiglio regionale della Calabria che ha già 357 dipendenti, con i soldi pubblici ,fare una selezione riservata a precari di soggetti privati, della PP.AA o società in house, discriminando chi non ha avuto la possibilità di fare il precario. Mi domanda come sono stati assunti i 22 licenziati (che gli organi inquirenti facciano luce se  quelle assunzioni se sono stato fatto  a norma di legge). Perché non è stato fatto il fatto il bando quando li hanno assunti? Chiedo che la società  Portanovaspa e il Consiglio regionale faccia i nomi dei licenziati e spieghi come sono stati assunti. I miei figli e i disoccupati calabresi non appartengono ad un Dio minore, dategli la possibilità di partecipare al bando. Basta con il crea il precario e poi sistema il precario.
Ecco i concorsi :

 Portanova spa ATTO_N_75 (1)