Barcellona Pozzo di Gotto (Me), approvato lo schema del bilancio di previsione 2016-2018

Barcellona Pozzo di Gotto, il documento approvato recepisce infatti le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 118/2011 in materia di armonizzazione contabile degli enti locali: non è più previsto un bilancio annuale accompagnato da una previsione triennale, ma le sue previsioni di competenza sono articolate nell’arco del triennio 2016/2018

Barcellona_Pozzo_di_Gotto_Il_MunicipioNella tarda mattinata di oggi la Giunta Municipale ha approvato lo schema di bilancio di previsione 2016-2018 ed i suoi allegati in conformità alle più recenti disposizioni di legge. Il documento approvato recepisce infatti le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 118/2011 in materia di armonizzazione contabile degli enti locali: non è più previsto un bilancio annuale accompagnato da una previsione triennale, ma le sue previsioni di competenza sono articolate nell’arco del triennio 2016/2018. Ulteriore novità del D.Lgs. 118 è che la previsione per il 2016 è formulata anche in termini di cassa. Comunque, le previsioni di competenza per l’esercizio 2016 si riassumono come segue:

ENTRATE

TITOLO 1 Entrate correnti

€ 26.957.948,68

TITOLO 2 Trasferimenti correnti

€ 7.484.277,18

TITOLO 3 Entrate extratributarie

€ 4.967.942,54

TITOLO 4 Entrate in conto capitale

€ 4.699.164,46

TITOLO 6 Accensione prestiti

€ 0,00

TITOLO 9 Entrate c/terzi e partite di giro

€ 71.283.901,21

  Avanzo di amministrazione vincolato

€ 2.967.731,14

  Fondo pluriennale vincolato

€ 2.603.148,46

TOTALE

€ 120.964.113,67

SPESE

TITOLO 1 Spese correnti

€ 39.856.290,94

TITOLO 2 Spese in conto capitale

€ 8.142.526,38

TITOLO 4 Rimborso prestiti

€ 1.153.555,82

TITOLO 5 Chiusura anticipazioni da tesoriere

€ 0,00

TITOLO 7 Uscite c/terzi e partite di giro

€ 71.283.901,21

  Disavanzo di amministrazione

€ 527.839,32

TOTALE

€ 120.964.113,67

Insieme al bilancio di previsione – anzi, preventivamente, a termini di legge – sono stati approvati con separati provvedimenti il Documento Unico di Programmazione e la destinazione dei proventi derivanti da sanzioni per violazioni del Codice della Strada a termini dell’art. 208 del CdS. E’ uno strumento contabile che riesce a dare copertura a debiti fuori bilancio per sentenze passate in giudicato per un importo di circa € 1.500.000 e che allo stesso tempo guarda alle prospettive di sviluppo economico-sociale del territorio e della sua comunità e sblocca interventi infrastrutturali fermi da qualche anno: il ponte di Calderà e la riqualificazione della Villa “Primo Levi”, solo per fare qualche esempio, senza dimenticare il tanto atteso ampliamento del Cimitero di c.da Zigari. Non è trascurata la promozione delle attività culturali, per le quali sono previste apposite risorse che si affiancano agli stanziamenti destinati alle attività del Teatro Mandanici. Si tratta anche di un bilancio che rivolge al disagio sociale una maggiore attenzione rispetto al passato più recente: specifici stanziamenti, infatti, rafforzano gli interventi di sostegno che sono già programmati nel quadro del Piano di Zona del Distretto D28 e destinano ulteriori risorse per l’istituzione di un servizio di mensa in favore degli indigenti e per l’erogazione di sostegni economici alle fasce sociali più deboli. Lo schema di bilancio verrà adesso trasmesso al Collegio dei Revisori dei Conti per acquisirne il parere e poi al Consiglio Comunale per il seguito di legge.