Approvazione del bilancio bloccata dal Pd, Carbone: “Messina non è una Corrida”

L’approvazione del bilancio di previsione 2015 per la città di Messina, giunto alla quinta versione, è stata bloccata dal Pd

Ernesto Carbone“Il commissario del Pd di Messina Ernesto Carbone esprime i suoi dubbi riguardo l’approvazione del bilancio di previsione 2015, giunto ormai alla quinta versione: “Ancora una volta ci risulta impossibile votare il bilancio presentato, con estremo ritardo,dal sindaco Accorinti. Le obiezioni che il Pd adduce non sono pretestuose ma reali. Siamo alla quinta riformulazione del bilancio, un unicum nella storia amministrativa di questo Paese, e nulla e’ cambiato rispetto al passato. Mancano ancora le delibere per il riconoscimento dei debiti fuori bilancio e l’inserimento degli interessi passivi sui pagamenti in ritardo. Dettagli non da poco che incidono notevolmente sulle spese della città. Senza questi elementi come puo essere attendibile il bilancio che Eller e Accorinti hanno presentato in consiglio?
E prosegue: “Forse per la fretta di portare a casa il bilancio il sindaco e l’assessore si sono ‘dimenticati’ di ridurre la Tasi e di rivedere le aliquote. Sono però spariti 51 milioni di euro dalle voci di bilancio versione IV. Cose che neppure il mago Silvan e noi a scatola chiusa dovremmo votarlo?. Soltanto un irresponsabile potrebbe dire si a questo documento che viene spacciato per bilancio di una citta’”
Quindi conclude: “Messina ha bisogno di altro: non è una Corrida dove ci si improvvisa il tempo dei dilettanti allo sbaraglio, fiancheggiati da Genovese, deve necessariamente terminare per il bene di tutti i messinesi”.