Serie B, Trapani-Ascoli 4-3: delirio per i 6.000 del “Provinciale”, continua il grande sogno della serie A [FOTO]

Serie B, il Trapani degli ex Reggina Rizzato e Barillà continua a volare: 10° risultato utile consecutivo (8 vittorie e 2 pareggi)

LaPresse/Davide Anastasi

LaPresse/Davide Anastasi

Trapani da sballo oggi pomeriggio allo stadio “Polisportivo Provinciale” dove i 5.800 spettatori presenti sugli spalti si sono divertiti e alla fine hanno potuto esultare proprio allo scadere per l’ennesima vittoria dei granata allenati da Serse Cosmi, con gli ex Reggina Rizzato e Barillà anche oggi in campo titolari. E’ stato un 4-3 pirotecnico, deciso da Nizzetto all’82°: l’Ascoli era riuscito a raggiungere il Trapani già nel finale di primo tempo con i gol di Cacia (su rigore) e Altobelli al 37° e al 39°, dopo che i padroni di casa erano passati sul doppio vantaggio con Pagliarulo al 15° e Citro (sulla ribattuta di un rigore sbagliato) al 30°. Nel corso della ripresa Trapani di nuovo in vantaggio 3-2 con Montalto, Ascoli che riusciva di nuovo a pareggiare con Cacia al 74° (ancora su rigore), ma la forza di volontà della squadra di Serse Cosmi è stata più forte di tutte le difficoltà.

LaPresse/Davide Anastasi

LaPresse/Davide Anastasi

Adesso in classifica i siciliani sono quarti con 59 punti (record in serie B per la storia del Trapani), -1 dal Bari terzo e +1 da Pescara e Spezia quinta e sesta, sempre più in zona playoff ma soprattutto sempre più in forma. Quello di oggi infatti è stato il decimo risultato utile consecutivo (8 vittorie e 2 pareggi), nessuno ha fatto così bene in primavera, neanche Crotone e Cagliari sempre più vicine alla promozione diretta in serie A.

Adesso si torna subito in campo, martedì sera il Trapani è atteso da una trasferta difficile sul campo dell’Avellino che vive un periodo nero ed è stato risucchiato nella corsa per non retrocedere, quindi sarà alla disperata ricerca di punti. Poi sabato di nuovo al Provinciale scontro diretto per i playoff contro il Cesena e dopo una settimana nuovo scontro diretto, sempre casalingo, contro il Novara. Saranno le due partite decisive per un’altra piccola realtà del Sud che continua a sognare la serie A.

LaPresse/Davide Anastasi
LaPresse/Davide Anastasi
LaPresse/Davide Anastasi
LaPresse/Davide Anastasi