Renzi: “rottamiamo sprechi mettendoci la faccia e l’onore”

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

Matteo Renzi sintetizza il senso delle intese che il Governo stipulera’ nelle prossime settimane con Regioni e Citta’ metropolitane del Sud: oggi la firma del primo ‘Patto’, quello per la Campania, che mette in campo risorse europee e nazionali per 9,5 miliardi di euro da qui al 2020 con queste parole: ”E’ un lavoro serio, mettiamo la faccia e l’onore a garanzia di questo impegno. Per noi onore e’ una parola bella, sta nella carta costituzionale. Mettere il nostro onore a garanzia di questo impegno significa rottamare gli sprechi e iniziare finalmente a fare le cose sul serio“. Pompei, dove il premier si e’ recato stamane in visita privata con la moglie Agnese Landini, e’ per Renzi una delle immagini simboliche di questo “lavoro che va avanti, con la costante spesa dei fondi europei“. Cosi’ come la nuova Stazione marittima di Salerno, progettata da Zaha Hadid, che si inaugura domani: il premier non potra’ essere presente a causa del vertice di Hannover con Obama, ma visitera’ oggi in anteprima la struttura, un’opera che “da’ il senso di quello che il Sud puo’ essere“. Poi l’apprezzamento per il governatore De Luca, ricordando le polemiche di un anno fa sulla sua candidatura: “Un anno fa di questi tempi, in un momento un po’ complicato, dissi da esponente di partito che con De Luca la Campania avrebbe smosso il pil dell’Italia, non della sola regione. Frase di cui sono assolutamente convinto“. Con le intese previste dal Masterplan per il Mezzogiorno “c’e’ l’elenco delle cose da fare, chi le fa, come e quando. C’e’ il senso di una politica che finalmente sblocca le opere pubbliche, e in qualche caso private ma che se le fai ripartire rendi un servizio a tutti. C’e’ un senso di grande riscatto, di un paese orgoglioso delle ricchezze che ha e smette di sprecare le opportunita’. E’ quello che abbiamo cercato di fare con l’Expo, che cerchiamo di fare con la Salerno-Reggio Calabria, con i viadotti in Sicilia, il primo lo riapriamo sabato prossimo. E’ quello che stiamo cercando di fare in tutti i posti di questo meraviglioso Paese”. “La Campania, per la sua forza, la sua qualita’, e anche per le sue difficolta’ che possono essere superate e’ simbolo di un Paese che riparte“, conclude Renzi.