Reggio Calabria, prosegue il riordino delle Società comunali [DETTAGLI]

Reggio Calabria, prosegue il riordino delle Società comunali: acquisito il socio privato di Recasi, avviata selezione per l’incarico di redazione del bando di Castore e Polluce

palazzo san giorgio1Continua la razionalizzazione dei costi dell’Amministrazione Falcomatà, in linea con il Decreto Madia sulla Spending Review che prevede il riordino e la riduzione delle Società partecipate, attraverso meccanismi di liquidazione, trasformazione per fusione o incorporazione. In piena sintonia con il Decreto governativo, infatti, il Comune di Reggio Calabria, dopo l’acquisizione del 49% del Gruppo Maggioli Socio privato della Reges Spa, Società che si occupa della riscossione dei Tributi del Comune, ha acquisito anche, attraverso la Reges, il 49% della quota Data Management, Socio privato della Recasi Spa, Società che si occupa dei servizi di informatizzazione per il Comune. Un atto che si inserisce all’interno della strategia definita dal Sindaco Giuseppe Falcomatà che prevede la nascita, per fusione, di un’unica Società controllata al 100% dal Comune che si occuperà sia della riscossione sia dell’informatizzazione. Prosegue dunque il percorso complessivo di riordino delle Società comunali. Questa mattina è stata avviata la procedura gara sul Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePa) per l’individuazione di una Società esterna che sarà incaricata di gestire il bando per la selezione, il reclutamento e l’assunzione del personale delle nuove Società in house comunali. «Una scelta – ha spiegato il consigliere delegato alle Società Comunali Francesco Gangemi – che è garanzia di imparzialità, di trasparenza e di professionalità durante tutta la procedura concorsuale». «In questi mesi abbiamo lavorato senza sosta – ha aggiunto il Consigliere delegato – per dare seguito al programma complessivo di riordino delle società. L’obiettivo è quello di creare un apparato moderno ed efficace per la gestione dei servizi comunali ed al contempo tutelare il bacino occupazionale. Ringrazio tutti i lavoratori delle ex società partecipate – ha concluso Gangemi – per lo spirito di collaborazione con il quale stanno partecipando a questo processo. Procederemo con convinzione su questa strada nella certezza che, una volta messo a regime, il nuovo sistema per la gestione dei servizi comunali sarà in grado di rispondere con assoluta prontezza alle esigenze della Città».