Reggio Calabria, Falcomatà: “fermento per la riapertura del Museo e per la firma del Patto per il Sud”

Museo Archeologico nazionale di Reggio CalabriaIn vista dell’inaugurazione del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e della firma del Patto per Reggio Calabria e del Patto per la Calabria, patti che porteranno finanziamenti mirati per il bene del territorio il sindaco Giuseppe Falcomatà ha affermato all’Adnkronos queste parole: ”doppia festa domani a Reggio Calabria per la riapertura del Museo Nazionale Archeologico nel quale sono custoditi i Bronzi di Riace e la prima firma dei Patti per il Sud. Reggio Calabria è, infatti, la prima città metropolitana a firmare con il governo il Patto per Reggio Calabria e credo che sia simbolico che queste firme abbiano inizio proprio da qui, dalla punta dello stivale”. “Significa ripartire dal Sud – ha continuato Falcomatàsignifica mettere in moto le risorse necessarie per la crescita e lo sviluppo delle città metropolitane e per la prima volta il percorso è inverso, cioè dal basso verso l’alto, da sud a nord. Il governo ha quindi accolto le nostre richieste e i finanziamenti non saranno più a pioggia ma mirati in opere, strutture, infrastrutture necessarie per il territorio”. “La città è in grande fermento, grande attesa per il premier Renzi e per la riapertura del Museo dei Bronzi di Riace: siamo consapevoli del grande patrimonio archeologico, storico e culturale che custodiamo, – ha concluso il sindaco – una consapevolezza importante per il nostro Paese e per il mondo intero dato che custodiamo la più grande collezione di bronzi al mondo: è un pezzo di storia che in un certo senso restituiamo al mondo considerando anche che siamo la culla della Magna Grecia”.