Reggio Calabria, dopo “Mala Sanitas” il reparto di Ostetricia e Ginecologia “sparisce” dal sito ufficiale degli Ospedali Riuniti

Reggio Calabria, dopo lo scandalo “Mala Sanitas” sul sito ufficiale degli Ospedali Riuniti non ci sono più info sul reparto di Ostetricia e Ginecologia

Immagine01Per il sito ufficiale degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, il reparto di Ostetricia e Ginecologia è come se non esistesse più. Tutti i dati sono spariti, tutte le schermate sono tristemente bianche, vuote. Non ci sono più contatti, nomi, numeri di telefono e info utili, come invece accade nelle schede di tutti gli altri reparti del nosocomio reggino. La pagina “Ostetricia e Ginecologia” è vuota come un foglio di un quaderno appena acquistato in cartoleria, l’elenco dei reparti è altrettanto tristemente vuoto a differenza degli altri. E cresce la preoccupazione per le tante gestanti che hanno la “colpa” di essere incinta in questo particolare momento della sanità reggina, travolta da uno scandalo che ha sconvolto tutta la città.

Intanto la struttura sta provando a riorganizzarsi per garantire quantomeno l’ordinaria amministrazione in una struttura in cui in media si verificavano 6 parti al giorno. Ma ci vorrà almeno una settimana. Le alternative sono poche e scomode: in città c’è solo Villa Aurora, in Provincia tre sole strutture. Tutte già off-limits.

Reggio Calabria, adesso per i parti si rischia il caos. Tre alternative in Provincia mentre ai Riuniti si riparte