Reggio Calabria, Democrazia e Costituzione al centro delle iniziative dell’ANPI per il 25 Aprile

camminataIn occasione del recente Congresso, l’ANPI di Reggio Calabria ha programmato una serie d’iniziative, tra le quali tre di particolare rilievo (con la Scuola Media di Campo Calabro, con l’Amministrazione Comunale di Bova Marina e con la Scuola Media “T. Minniti” di Palmi), che si concluderanno con due eventi a Reggio Calabria.

La “camminata partigiana” di domenica 24 aprile 2016

La “camminata partigiana” si svilupperà, a partire da Piazza De Nava, dove è previsto il raduno dei partecipanti alle ore 17,30, lungo le vie dedicate agli antifascisti ricordati nella toponomastica  reggina. Il programma prevede sette punti di sosta, in prossimità delle targhe delle vie, per ricordare, lungo il percorso che conduce da via Amendola a viale Genovese Zerbi, Giacomo Matteotti, Giovanni Amendola, Don Giovanni Minzoni, Antonio Gramsci, Carlo Rosselli, Bruno Buozzi e la data storica del 25 Luglio 1943, quando il “Gran Consiglio” del fascismo approvò l’ordine del giorno che provocò la “deposizione” di Mussolini. La “camminata partigiana” si concluderà  davanti al Museo dello Strumento Musicale, distrutto e vandalizzato da mani e menti criminali, che riaprirà in occasione del 25 aprile (alle ore 18,00). I giovani del Museo accoglieranno i partecipanti alla “camminata”, dando lettura dell’ottava scheda, dedicata al MUSTRUMU, realizzando così un vero e proprio incontro tra “vecchie e nuove resistenze”, simboleggiato anche dall’adesione all’iniziativa dell’ANPI da parte del Museo ed in particolare da parte del fondatore dello stesso, Demetrio Spagna, che accompagnerà la comitiva “partigiana” con le note del suo sassofono, cui si aggiungeranno le note degli strumenti musicali di alcuni allievi del Conservatorio “Cilea”, il cui direttore ha comunicato l’adesione.

L’Amministrazione Comunale di Reggio Calabria ha comunicato la propria adesione.

La Festa del 71° della LIBERAZIONE con l’omaggio alla Stele del Partigiano Democrazia e Costituzione al centro dell’ iniziativa dell’ANPI

 L’evento conclusivo  del ricco programma dell’Associazione dei partigiani sarà “l’omaggio” alla Stele del Partigiano, collocata all’interno della Villa Comunale di Reggio Calabria, previsto per le ore 10,30 di lunedì 25 aprile 2016, in continuità con le Cerimonie programmate dal Prefetto di Reggio Calabria, che avranno inizio alle ore 9,30 presso il Monumento ai Caduti. Subito dopo la cerimonia, il Prefetto consegnerà, all’interno dei locali della Prefettura,  le Medaglie del 70° della Liberazione (ed i relativi “diplomi”) ai dodici aventi diritto, sei dei quali partigiani (gli altri ex-deportati ed ex-internati), alla presenza dei rappresentanti dell’ANPI e dell’ANEI. Così come avvenuto negli anni precedenti, in sinergia con la “CORRIREGGIO”, alle ore 10,15 partirà dal Lungomare Falcomatà la “Staffetta Partigiana” che, precederà di 15 minuti il via che gli organizzatori daranno alle migliaia di reggini che parteciperanno alla “corsa del 25 aprile” divenuta ormai uno dei più grandi e partecipati eventi di Reggio Calabria, grazie all’impegno di LegAmbiente. Quest’anno la “Staffetta Partigiana” sarà costituita dalle atlete e dagli atleti della “Società Calabria”, associazione sportiva di pattinaggio di livello nazionale, che ha accolto l’invito  dell’ANPI. La “Staffetta Partigiana”, che farà da tramite tra la Corrireggio e l’omaggio alla Stele del Partigiano, sarà accolta all’ingresso della Villa Comunale dai partecipanti già confluiti alla Villa al suono delle note di “Bella ciao”. Tutte le Istituzioni (Prefetto, Comune, Provincia, Regione, Forze Armate) hanno comunicato la propria adesione. Saranno presenti tutti i Partigiani ed i loro familiari.  L’omaggio alla Stele del Partigiano si concluderà con la deposizione di corone e mazzi di fiori e di garofani rossi, cui seguiranno gli interventi dei partigiani Pasquale Brancatisano, Aldo Chiantella, Anna Condò e Fortunato Quattrone. All’iniziativa ha dato adesione l’Associazione “Unione Slava” che deporrà il proprio mazzo di fiori.