Reggio Calabria: caos al canile di Mortara, furiosa lite tra “Aratea” e “Dacci una Zampa” [FOTO e VIDEO]

canile mortara (10)Scompiglio questa mattina fuori dal Canile di Mortara a Reggio Calabria. I volontari di “Dacci una zampa” una volta giunti sul posto non sono riusciti ad entrare all’interno del canile per prestare le cure del caso ai cani malati in quanto l’associazione “Aratea” che ha ricevuto la gestione del canile da parte del comune, ha bloccato loro l’accesso nella struttura.

I diverbi e le discussioni tra le due associazioni vanno avanti ormai da diverso tempo. Stamani però si è arrivati quasi alle mani. La presidente dell’associazione Aratea, Irene Putortì intervistata ai microfoni di StrettoWeb ha affermato che - “i volontari di ‘Dacci una zampa’ evidentemente non hanno gradito il sistema di collaborazione che era stato stabilito all’inizio, l’accesso al canile era stato sempre libero infatti loro entravano e facevano tutto quello che volevano senza problemi. I volontari di ‘Dacci una zampa’ ci fanno guerra e dicono scorrettezze nei nostri confronti, dicono che i cuccioli vivono in stato di abbandono, che il canile è pieno di pulci e zecche, invece di dedicarsi ai cani, obiettivo principale. ‘Aratea’ ha invitato i volontari di ‘Dacci una zampa’ a smetterla di continuare con questa questa campagna denigratoria che vige da 2 anni e la loro risposta è stata svuotare il magazzino portando via con se le ciotole, di strappare via le fontane e di abbandonare i 140 cani presenti al canile.  All’interno della struttura ci sono tre veterinari che accudiscono i cani quindi gli animali non corrono alcun rischio”.

Reggio: l’intervista alla Presidente dell’associazione “Aratea”, Irene Putortì [VIDEO]

I volontari di “Dacci una zampa“, pur interpellati più volte, non hanno voluto rilasciare dichiarazioni per spiegare le loro ragioni.