Realizzata abusivamente una pista carrabile nel reggino: sequestrata l’opera

pista carrabileReato di realizzazione abusiva di pista carrabile in località Grandecaccia del comune di San Giorgio Morgeto ricadente in area del Parco Nazionale d’Aspromonte, sottoposta a vincolo paesaggistico-ambientale ed a vincolo idrogeologico. Durante un sopralluogo di verifica di regolare esecuzione dei lavori di taglio di un bosco di faggio, autorizzato dalla Regione Calabria e dall’Ente Parco Nazionale dall’Aspromonte, gli Uomini del Corpo Forestale dello Stato di San Giorgio Morgeto accertavano che all’interno del bosco era stata realizzata una pista carrabile abusiva al fine di un più agevole esbosco del materiale legnoso. Il tracciato abusivo si sviluppava su terreno a forte pendenza (fino all’80%) comportando la fatturazione con mezzo meccanico della roccia nonché il danneggiamento delle radici di molti alberi, e lo sradicamento di arbusti e di piantine.

Dalla verifica della documentazione risultava che non vi era alcuna autorizzazione alla realizzazione della pista carrabile in quanto la stessa non era prevista nel progetto di taglio. Pertanto il personale del Corpo Forestale dello Stato operava il sequestro preventivo dell’opera,  denunciando alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Palmi il Tecnico in qualità di direttore dei lavori dr. Forestale S. G. P. di anni 46, ed un responsabile della ditta aggiudicatrice dei lavori di taglio il sig. A. N. di anni 40. Il Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Reggio Calabria, con l’ausilio di tutte le Stazioni Forestali da esso dipendenti, svolge una costante azione di controllo nell’Area Protetta finalizzata anche alla tutela del patrimonio forestale e della ricca biodiversità dell’Aspromonte.