Quando lo sport è sano: Reggio e Gioia Tauro esempio di un Basket genuino

Basket (2)Di seguito la lettera di un lettore, Alberto Pucinotti, a StrettoWeb sullo sport sano e puro. La testimonianza del signore è da prendere da esempio: lo sport quando “è sport vero” porta gli atleti a crescere ed a maturare:

Leggo con rammarico tra le righe del vostro giornale la testimonianza (risalente a qualche anno fa) di un genitore “spettatore”per fortuna non passivo di una violenza tribale nei confronti di un ragazzino “arbitro”. Tali episodi purtroppo non rientrano ormai in una casistica trascurabile ma bensì ,in una in sensibile crescita. Tra le variabili che hanno favorito l’aumento di spiacevoli eventi sui campi di gioco (di molte discipline sportive di squadra giovanili )senza dubbio sono :l’aumento della pressione esercitata dai genitori ,dagli allenatori e dai media sui malcapitati bambini. Chi vi scrive è un fortunato genitore di un giovanissimo atleta della Viola basket Reggio Calabria cat. Aquilotti 2005 ,desideroso di tramettere e condividere la propria esperienza (e di un gruppo intero di genitori )di sport vissuto come “Gioia, Aggregazione ed Amicizia”. Nel pomeriggio di ieri in previsione di un incontro di campionato tra i nostri ragazzi e la locale squadra di Gioia Tauro ,ci siamo dati appuntamento al centro Viola (raduno logistico)dove un numeroso gruppo di genitori al seguito della squadra ha avuto la piacevole sorpresa di trovare ad aspettarli un pullman da 55 posti messo a disposizione e a titolo gratuito da Gaetano Condello g.m della Viola Reggio Calabria (che qui tutti ringraziamo ).Siamo partiti alla volta di Gioia tauro avvolti da un clima goliardico e festoso modello gita scolastica fuori porta, ed arrivati nei pressi della palestra della scuola designata come campo della contesa, abbiamo subito notato lo sbigottimento della popolazione locale alla vista di così tanta gente al seguito dei bambini e per assistere ad una semplice partita di basket.La partita ha avuto inizio in un clima da palazzetto stile play-off ma con animi tranquilli e pacati grazie anche all’accoglienza cordiale e amichevole dei genitori dell’altra squadra che ha reso l’evento un divertimento assoluto. Il match è scivolato via tra applausi (per ambo le squadre )incitamenti e piccoli infortuni .Per la cronaca l’ago della bilancia ha pesato dalla parte dei bambini neroarancio (ma poco contava ),resta invece la certezza di essere stati testimoni genitori e figli di una splendida giornata di sport ,dove l’unico obiettivo non era il risultato ,ma divertirsi in maniera sana e leale stringendo la mano all’avversario a fine partita ,e per premio dopo la fatica l’abbraccio dei propri genitori .Ciliegina sulla torta è stata la cena magistralmente organizzata dalle mamme ultras della Viola ,presso un noto locale della zona ,dove la festa è proseguita fino a tarda sera.

Alberto Pucinotti

Basket (1)