Polizia di Stato e Ministero dell’Istruzione insieme per celebrare i primi 30 anni di Internet in Italia

internetNell’ambito delle iniziative promosse nella giornata del29 aprile p.v./ per celebrare l’Italian Internet Day 2016, la Polizia Postale e delle Comunicazioni sard presente nelle scuole di oltre 100 province sul territorio nazionale, con workshop informativi per illustrare le opportunitd della Rete Internet evitandone i rischi. Gli operatori della Specialitd incontreranno nell’occasione circa 60mila tagazzi con 1o slogan ” Piit internet per tutti” ovvero ” le opportunitd della rete” , attraverso la campagna educativa itinerante denominata “Una vita da social”, il progetto sviluppato dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con il Miur, che ha l’obiettivo di consentire agli utenti della Rete di navigare in piena sicuezza e gestire con consapevolezza e controllo i dati condivisi oniine. In contemporanea, il truck di Una Vita da Social fard una tappa straordinaria al Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa per celebrare insieme i primi 30 anni dal primo collegamento Internet in Italia. L’iniziativa ha anche una sua pagina facebook unavitadasocial ec1 un profilo twitter, al cui interno vengono illustrate tutte le attivitd e riportate le impressioni di chi interagisce direttamente attraverso i Social network. L’obiettivo delle attivitd di formazione d insegnare airagazzi a sfruttare le potenzialitd comunicative del web e delle community online serza incorrere nei rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla adozione di comportamenti scorretti o La formazione sui temi della sLcurezza e delI’uso responsabile della rete d un impegno quotidiano della Polizia di Stato, e la collaborazione con il Ministero dell’Istruziorte, dell’Universitd e della Ricerca d assolutamente determinante. In questo senso si d espresso anche il Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Calabria Dr. Vincenzo Cimino che ha dichiarato ” Anche nella Regione Calabria non mancano episodi spiaceooli deriaanti dall’uso distorto dei social network e della rete internet in generale. In alcuni casi le uittime, ed qltre aolte anche gli autori, delle condotte scorrette sono minori. E’ indispensabile pertanto interaenire preuentioamente, per euitare che comportamenti anomali assurnano caratteristiche criminali e possano causare danni anche irreaersibili alle aittime. A tale scopo la Polizia Postale e delle Comunicazioni, nel corrente anno scolastico, ha tenuto e continua a tenere, d’intess con i Diigenti Scolastici, numerosi incontri formatiai ed informatiai nelle scuole di ogni ordine e grado, per sensibilizzare gli studenti, ma anche i genitori e gli insegnanti, sui rischi del web e sui citei da rispettare per l’uso corretto del web e dei social network e per l’opportuna aigilanza sui comportamenti dei minori al fine di cogliere e segnalare in tempo utile comportamenti sospetti o situqzioni di disagio. L’auspicio d che un’adeguata campagna di sensibilizzazione, unita all’intensa attiaiti saolta dalla magistratura e dalla polizia giudiziaria per perseguire i reati informatici in senso proprio e quelli commessi tramite l’uso di strumenti informatici, faccia si che i moderni strumenti di comunicazione costituiscano esclusiaamente una potente ed fficace opportunitd di crescita culturale e di sailuppo”.