Palmi: per la rassegna dedicata a Nicola Antonio Manfroce appuntamento a domani sera alla Casa della Cultura

La casa della Cultura di Palmidi Giuseppe e Sigfrido Parrello - Uno straordinario evento musicale si svolgerà domani sera alle 18,00 sul palco dell’Auditorium della Casa della Cultura “Leonida Repaci” di Palmi. A esibirsi sarà un trio di musicisti e professionisti con la passione per le tradizioni della musica popolare del centro-sud.

Infatti, l’associazione trentennale “Nicola Antonio Manfroce” presieduta da Antonio Gargano, ospiterà “Le tre meno un quarto”, un concerto popolare che vede protagonisti   gli esilaranti Fabio Guandalini  (chitarra e voce), Antonio Merola (tamburi e voce) e Nicoletta Salvi  (violino e voce). I componenti provengono da esperienze musicali disparate che vanno dal jazz  al blues, alla tradizione balcanica, e sono accomunati da una grande vivacità che coinvolge il pubblico. Gli animatori delle piazze sono già pronti ad animare anche il palco dei fedeli cultori musicali palmesi e a coinvolgere immancabilmente la platea con la loro contagiosa vitalità. Grazie alla pronunciata teatralità delle interpretazioni e all’energia messa in gioco in ogni performance, il gruppo riesce a calamitare il pubblico e a far ballare gli appassionati trasformando il concerto in una festa di piazza, quasi in un evento di strada, sulla scia delle istrioniche tradizioni popolari partenopee (e non solo).  Oltre a condividere una spiccata matrice folk, possiedono pure provenienze artistiche tra le più disparate che spaziano dal latin jazz, allo swing-manouche, al blues, alla musica della tradizione araba, balcanica, klezmer e sudamericana. La storia e le tradizioni di Campania, Basilicata, Lazio, Sicilia e Puglia prenderanno vita a suon di tarantelle, stornelli e barcarole. Tra i titoli più noti: “Tanto pe’ canta’”, “Tarantella del 600”, “Pizzica di San Vito”, “Nannarè” e “Gita ai Castelli”, passando per “Li ffigliole”, “Tarantella del Gargano”, “Canusco na carusa Cicerenella”, “Cu ti lu dissi”, “Briganti se more”, “Tammurriata nera”, “La Nuvenia”, “Lu rusciu te lu mare”, “Santu Paulu”, “Tammurriata del nocerino-sarnese”, “Villanella della gatta Cenerentola”, “Nun t’affaccia’”, “Stornelli romaneschi”, “Sora Menica”, “Barcarolo romano” e “Stornello dell’estate”.                                                          La scelta di dedicare a questo settore uno dei concerti del cartellone istituzionale della storica Associazione “Amici della Musica” non è una casualità, ma ricade nella volontà di offrire un cartellone vario e sempre pronto a stupire il fedele pubblico di abbonati, sostenitori, soci e simpatizzanti.