Oliverio a Mileto per la presentazione del progetto della strada di collegamento dello svincolo autostradale A3 Mileto- Paravati

Oliverio borghi (2)Il Presidente della Regione Mario Oliverio ha partecipato nel pomeriggio di ieri a Mileto all’iniziativa pubblica di presentazione del  progetto della strada di collegamento svincolo autostradale A3 Mileto – Paravati. Un nuovo  tracciato che utilizza per parte quello esistente e che, come hanno spiegato i progettisti, gli ingegneri Pino Iacino e Raffaele Morrone, accorcerà i tempi di percorrenza per raggiungere il centro del vibonese,  luogo di fede e di culto  che è meta incessante di pellegrini devoti di Natuzza Evolo.  E proprio alla Chiesa ” Cuore Immacolato di Maria rifugio delle anime” di Paravati la strada si collegherà direttamente. ” Questa idea – ha detto il presidente Oliverio -  è una idea del nostro programma di governo; è un’opera pensata in direzione della valorizzazione del territorio e di un sito che ha una particolare valenza, non solamente sul piano piano spirituale. Il passaggio di Natuzza non solo ha lasciato un segno indelebile nella fede, ma ha anche generato una forte presenza di flussi destinati ad avere un grande  incremento. Luoghi come questi sono da valorizzare. In altre realtà del nostro Paese, il turismo religioso è un fattore di crescita dell’economia, di occupazione. Per questa  ragione per cui abbiamo promosso il progetto, per il quale un ringraziamento va agli ingegneri Morrone e Iacino, che, senza incarico formale,  si sono prestati volontariamente alla sua redazione.” ”  È un lavoro non a se stante – ha proseguito il Presidente della Regione -  ma il pezzo di un mosaico importante, nell’ambito di quello che deve diventare per noi  l’Autostrada:  un asse di sviluppo del territorio, una infrastruttura che possa favorire e sostenere la crescita. Nel confronto con il Governo sulle infrastrutture,  abbiamo proposto un disegno che va in questa direzione, ponendo particolare attenzione agli  svincoli che vediamo  come opportunità per il territorio. In questo senso è pienamente posizionato  il  progetto di questa nuova strada. “ ” Questa infrastruttura – ha affermato ancora  Oliverio – sarà  finanziata  nella programmazione che stiamo per definire e sarà collocato in un percorso  che dà priorità alla maglia  infrastrutturale intesa come volano per la valorizzazione della nostra regione. La Calabria  che è Magna Graecia, tre parchi nazionali, centro del Mediterraneo, sede di importanti beni culturali, costituisce un patrimonio immenso, che deve poter essere raggiunto diventando più accessibile. La  Regione è fortemente impegnata in questa direzione sulla quale stiamo  lavorando anche attraverso una costante interlocuzione con il Governo”. ” Dobbiamo  puntare al turismo religioso – ha ripreso Oliverio – Nei prossimi giorni avremo un incontro con il direttore generale del Ministero del Turismo per parlare dei ” Cammini” , un settore che qualifica il turismo religioso e non solo, puntando a realtà consolidate, come Mileto che è stata anche un riconosciuto faro nella storia dell’intera Europa”. ”Questo progetto si farà. Questo comprensorio sarà uno dei tasselli per far crescere l’intera Calabria. E’ una scelta nel disegno di valorizzazione delle nostre risorse, del rafforzamento delle sue  capacità attrattive . A Mileto  si può coniugare un grande patrimonio con il passaggio di  Natuzza, una donna straordinaria  che può fare ancora molto per la sua gente e per i calabresi. L’iniziativa presentata  stasera sostiene proprio questo “  ha rimarcato in conclusione il Presidente Oliverio il quale, dopo la chiusura dell’evento di presentazione si è recato nella Chiesa  ” Cuore Immacolato di Maria rifugio delle anime” di Paravati, che ha visitato, accompagnato dal presidente della Fondazione Natuzza,  don Pasquale Barone e da Padre Michele Cordiano. Hanno ancora partecipato all’evento tenuto nel Cantiere Musicale di Mileto il Sindaco Domenico Antonio Crupi, il parlamentare Bruno Censore; i consiglieri regionali Michele Mirabello e Vincenzo Pasqua, Armando Magone, l’ing. Domenico Pallaria della Regione, il dott. Rocco Pistinizzi, il Maestro Roberto Giordano.