Nasce la Siremar 2.0: imbarcazioni moderne per le esigenze degli utenti

Ustica e Cartour chiudono l’acquisizione e presentano l’ultimo “gioiello” di casa. L’obiettivo è fare sistema, migliorare il traffico marittimo di collegamento con le isole. “Un servizio più efficiente per sfruttare le sinergie sul campo” spiega Franza presentando la Siremar 2.0

Siremar2“Adesso possiamo contare su degli interlocutori affidabili e sono certo che le disfunzioni dal passato saranno definitivamente risolte.  Abbiamo bisogno di imprenditori seri, per un serio sviluppo del nostri territorio”. E’ stato l’Assessore regionale Giovanni Pistorio ad aprire la conferenza stampa che si è svolta ieri mattina a Palermo nella sala dei baroni di Palazzo Steri nel corso della quale sono stati approfonditi i dettagli dell’acquisizione definitiva di Siremar da parte della Società Navigazione Siciliana, compagnia di navigazione partecipata al 50% da Caronte&Tourist e Ustica Lines.

Qualità, efficienza e ottimizzazione del servizio su un target europeo: questa le linee guida degli amministratori e del management della SNS presente al gran completo all’incontro con la stampa e le autorità tra le quali anche l’assessore regionale Croce.

L’acquisizione della Siremar – ha rimarcato il vicepresidente di SNS ing. Vincenzo Franzarappresenta un nuovo inizio che prevede da subito un’offerta migliore per rendere i trasporti marittimi in Sicilia all’altezza di una situazione ottimale per ciò che riguarda l’offerta ai clienti”. “Il nostro obiettivo  –  ha aggiunto -  è migliorare il servizio e renderlo più efficiente, sfruttare tutte le sinergie presenti sul campo. A questo scopo abbiamo acquisito due nuove navi, Vesta e Sibilla, che ci consentiranno una maggiore garanzia sulla continuità delle rotte durante i periodi di sosta e manutenzione”.

Siremar 3Le due navi si andranno ad aggiungere alle nove che compongono la flotta navale, il comparto sarà guidato dall’ingegnere Luigi Genghi  e da nove aliscafi con la guida del comandante Ettore Morace. “Vogliamo fare sistema - ha concluso l’ing. Franza - il mio sogno sarebbe un biglietto unico che consenta a chi parte da Milano di arrivare a Stromboli”.

Il nostro obiettivo – ha sottolineato il Comandate Ettore Morace, presidente di Ustica Lines e Ad di SNS – è migliorare il trasporto marittimo siciliano. Mezzi nuovi e armonizzazione dei servizi senza toccare i lavoratori e le tariffe. Ci saranno – ha concluso il Comandante Morace -   imbarcazioni nuove e moderne, dotate di tutti i comfort e mezzi di riserva per garantire una migliore gestione.  Già dalla prossima settimana metteremo in linea un nuovo aliscafo da Milazzo per le Eolie e due nuovi mezzi di riserva, uno a Milazzo e uno a Trapani“.