Milano, ritrovato un “poema-bomba” che incita al terrorismo

Era destinato ad Abderrahim Moutaharrik, arrestato ieri durante un blitz anti-terrorismo a Milano, il “poema-bomba” che incitava al terrorismo

LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

LaPresse/Gian Mattia D’Alberto

È stato ritrovato un “poema-bomba” destinato ad Abderrahim Moutaharrik, uno degli arrestati durante il blitz anti-terrorismo condotto ieri dalla Procura di Milano. Il “poema” di chiaro stampo jihadista incitava a commettere atti di violenza con finalità terroristiche.
Questo il testo completo: “Ascolta lo Sheico, colpisci! Dalle tue palme, eruttano scintille, e sgozza, che con il coltello, e’ attesa la gloria, fai esplodere la tua cintura nelle folle dicendo “Allah Akbar”! Colpisci! (esplodi!) come un vulcano, agita chi è infedele, affronta la folla del nemico, ringhiando come un fulmine, pronuncia “Allah akbar” e esploditi! Oh leone! Che non si abbassa (non si piega), questa è la brigata della gloria, che vince, questo è il nostro califfato, ritorna in cima, ridà all’islam la sua gloria, i suoi battaglioni che hanno scosso le vicinanze e sono andati ad annientare gli infedeli senza cedere. Cancellare i confini che ci hanno decimato e riunirci dopo lo spargimento e l’allontanamento, in ogni paese fortemente e concedere al falco gli eroi dei nemici. Oh stato islamico! Accendi il fuoco sulla folla affluente, versa sulla testa del crociato granate, non aver mai pietà finché non si spezza, nessuna vita tranne quella di un popolo che ha combattuto (Jihadista) per Dio, il suo vero combattimento o come ha ordinato, guadagna il paradiso, come i primi combattenti e vai verso, oh Abderrahim, la gloria! che chiama chi va verso essa. Grida Allah akbar”.