Messina, Signorino ai saluti: resta in Giunta, ma è relegato in un angolo

L’assessore perde la propria centralità politica, scalzato da Eller Vaincher e da Cacciola

accorinti e signorinoTutto da copione: Daniela Ursino e Luca Eller Vaincher entrano ufficialmente nella squadra di governo del sindaco Accorinti. La prima, evidenziando il carattere tecnico dell’incarico che andrà a ricoprire, assumerà le deleghe alla Cultura, al Patrimonio artistico e architettonico, allo Spettacolo, alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Giovanili. Il passaggio di consegne col suo predecessore, il reggino Tonino Perna, sarà messo nero su bianco il 30 aprile, allorquando l’assessore uscente avrà sbrigato gli affari correnti.

Eller Vainicher, invece, subentrerà a Guido Signorino nel Bilancio e nella Programmazione, nel risanamento finanziario e per ciò che concerne tributi, patrimonio, personale, economato, provveditorato, aziende partecipate e sistema dei controlli interni. All’ex assessore al Bilancio, relegato in un cantuccio nonostante la difesa d’ufficio del sindaco, resteranno lo Sviluppo economico, la Città Metropolitana, il Piano strategico della Città e l’Avvocatura-Contenzioso. Nel rimpasto, inoltre, Gaetano Cacciola è stato promosso vice-sindaco.

Renato Accorinti, annunciando il rimpasto, ha specificato ancora una volta che la decisione di cambiare la compagine governativa è stata presa nell’interesse esclusivo della città e non corrisponde a un gioco di correnti interne: “siamo diversi dagli altri“, ha sottolineato il sindaco, giunto frattanto al terzo rimescolamento delle carte.