Messina, intensificate le azioni di vigilanza e tutela del territorio dei Nebrodi

L’azione del Corpo di Vigilanza di Caronia ha fatto emergere alcuni illeciti, operati nel corso di spostamenti da parte di alcuni soggetti che, approfittando di una piazzuola di sosta  nei pressi della  S.S. 289 hanno abbandonato i propri rifiuti

foto_rifiutiIntensificati i controlli sull’abbandono incontrollato dei rifiuti sul territorio protetto del Parco dei Nebrodi. L’azione del Corpo di Vigilanza di Caronia ha fatto emergere alcuni illeciti, operati nel corso di spostamenti da parte di alcuni soggetti che,  approfittando di una piazzuola di sosta  nei pressi della  S.S. 289 (S.Agata di Militello – Cesarò) hanno abbandonato i propri rifiuti. Immediata l’azione di repressione, sfociata in un  sanzionamento per circa 3600 euro. Proprio per la cura dell’ambiente dell’area protetta più estesa della Sicilia, il Parco invita a rispettare la natura, chiedendo anche la collaborazione dei cittadini per tutte le segnalazioni finalizzate a combattere il fenomeno e tutelare il territorio. L’azione di controllo e repressione del Corpo di Vigilanza proseguirà senza sosta e con tolleranza zero: previsti rafforzamenti delle azioni di tutela nelle giornate del 25 Aprile e il 1° di Maggio, in considerazione del forte afflusso di visitatori preannunciato. Ingenti i danni  economici, ambientali e d’immagine che derivano dall’abbandono dei rifiuti. Il territorio del Parco dei Nebrodi è il nostro biglietto da visita; gli  illeciti rappresentano non solo un danno ambientale e di immagine, che penalizza gli operatori del territorio commenta il Presidente Giuseppe Antoci ma anche economico, nella considerazione dei costi relativi alla rimozione dei rifiuti che, qualora non si risalga all’autore dell’illecito, sono a totale carico della collettività.