La classifica dei redditi in Sicilia: Messina la città più ricca, Capizzi il comune più povero [DATI e MAPPA]

La classifica dei redditi della Sicilia: Messina è la città più ricca, tutti i dati

redditi siciliaLa classifica che non ti aspetti. Messina è la città più ricca della Sicilia, quella cioè con il reddito imponibile pro capite tra tutte le città capoluogo e tra tutti gli importanti centri urbani siciliani. Il dato è stato pubblicato dal Mef ed è relativo ai redditi del 2014, con un trend in crescita rispetto ai numeri del 2013. Il Paese, quindi, sta uscendo dalla crisi anche se persiste il grande divario tra Nord e Sud. Le regioni in cui si guadagna di più sono Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna, mentre quelle più ‘povere’ sono Basilicata, Molise e Calabria. Rispetto al 2013 il reddito medio cresce in tutte le regioni eccezion fata per Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige. La regione più in crescita sono Piemonte, Marche e Lombardia.

La media del reddito medio pro capite in Italia è di 19.100 euro, in Sicilia la superano solo due città: Messina e Palermo. Questi i dati dei principali centri urbani isolani (tutte le città con più di 50.000 abitanti):

  1. Messina 19.489 euro
  2. Palermo 19.389 euro
  3. Siracusa 18.202 euro
  4. Agrigento 18.182 euro
  5. Catania 18.061 euro
  6. Enna 17.761 euro
  7. Caltanissetta 17.465 euro
  8. Trapani 16.403 euro
  9. Acireale 16.050 euro
  10. Ragusa 15.842 euro
  11. Gela 14.810 euro
  12. Modica 14.291 euro
  13. Bagheria 14.289 euro
  14. Marsala 13.691 euro
  15. Mazara del Vallo 13.532 euro
  16. Vittoria 10.837 euro

Ovviamente tra i comuni minori c’è qualche caso con redditi di gran lunga superiori: si tratta, nello specifico, dei centri dell’hinterland nord di Catania, dove risiedono i paperoni di Sicilia. Nello specifico, il Comune più ricco in assoluto è San Gregorio di Catania con un reddito imponibile pro capite di gran lunga superiore alla media nazionale, di 24.272 euro. Segue Sant’Agata Li Battiati con 23.541 euro, al terzo posto Aci Castello con 21.400 euro.

Al contrario, diversi comuni delle zone interne hanno reddito imponibile pro capite inferiore ai dieci mila euro. Spicca il dato di Mineo, un comune di oltre 5.000 abitanti con un dato di appena 9.800 euro, ma il Comuen più povero dell’isola è Capizzi, un Comune di 3.200 abitanti in Provincia di Messina, sul Parco dei Nebrodi, con un reddito imponibile pro capite di appena 9.055 euro, tra i più bassi d’Italia.