Auto incendiata al Carabiniere, Staropoli ‘ConDivisa’: “vicini ai Carabinieri diventati bersaglio perché compiono il proprio dovere”

lia staropoli“Stamane ho sentito il Generale Andrea Rispoli, Comandante Legione Calabria, per esprimere la mia vicinanza all’Arma e all’Appuntato dei Carabinieri Giuseppe Serino, in servizio presso la Compagnia di Soveria Mannelli, a cui ieri è stata incendiata l’auto – Dichiara Lia Staropoli, Presidente dell’ Associazione ConDivisa – Il vile atto intimidatorio colpisce l’Arma dei Carabinieri che opera per nostra sicurezza e colpisce tutti noi cittadini. Sono stati giorni davvero densi di episodi gravissimi ai danni dei Carabinieri in tutta Italia, ieri degli ordigni rudimentali incendiari scagliati contro la Caserma a Firenze, due giorni fa le raffiche di proiettili di grosso calibro all’indirizzo della Caserma di Secondigliano – Secondo la dott.ssa Staropoli – Ancora una volta, i Carabinieri sono diventati un bersaglio perché compiono il proprio dovere. L’avversione nei confronti delle divise si origina dalla mentalità mafiosa e dai costanti tentativi di delegittimazione nei confronti degli uomini e delle donne delle Forze dell’Ordine, due fattori che sempre più spesso si sommano e si insinuano nella psiche dei più giovani attraverso i social con conseguenze devastanti, in quanto formano inevitabilmente all’ostilità nei confronti della legalità e di tutti coloro che la rappresentano – E conclude – Tutto questo si ripercuote sulla nostra sicurezza, gli operatori delle Forze dell’Ordine sono gli unici alleati dei cittadini contro ogni forma di criminalità, è necessario educare i ragazzi al rispetto delle divise”