Allerta Meteo 25 Aprile: forte maltempo, neve e venti impetuosi

Allerta Meteo 25 Aprile: colpo di coda invernale sull’Italia, temperature in picchiata nelle prossime ore e torna la neve fino a bassa quota. Attenzione ai forti venti di maestrale

allerta-meteo-freddo-LIVE-640x466Meteo 25 Aprile, tutti i dettagli – Arriva sull’Italia il fronte freddo proveniente dal polo che già nelle scorse ore ha fatto crollare le temperature su gran parte d’Europa. Stamattina le temperature minime sono crollate fino a -4°C a Stoccolma, -2°C a Lussemburgo,0°C a Parigi, Berlino, Copenaghen e Oslo, +1°C a Londra, Amsterdam e Bruxelles. Un freddo polare che in Europa continuerà per molti giorni, probabilmente fino a fine mese. Nelle prossime ore l’aria fredda si estenderà anche sull’Italia, come ampiamente previsto nei giorni scorsi.

Nel nostro Paese le temperature sono giàEUMETSAT_MSG_RGB-12-12-9i-segment14-4-300x194 in netto calo con gli attuali +11°C di Perugia e Treviso, +12°Cdi Padova, Ferrara e Udine, +13°C di Trieste, Venezia, Bologna, Ravenna, Vicenza e Pordenone,+14°C a Firenze. L’aria fredda irromperà dall’arco alpino tra oggi pomeriggio e domani, facendo crollare le temperature in modo significativo in tutto il Paese. Si intensificherà anche il maltempo, a causa dei contrasti termici, e tornerà a cadere la neve soprattutto sull’Appennino centrale, abbondante fino a quote collinari, localmente fino ai 500–600 metridi altitudine.

Maltempo, tragedia sfiorata in Toscana: 8 persone salvate in extremis dai Vigili del Fuoco [FOTO]

I fenomeni di maltempo più intenso colpiranno ogPiano-Di-Sorrento-300x116gi pomeriggio il Centro/Nord tra Veneto, Emilia Romagna, Marche, Umbria e zone interne della Toscana. Domani il maltempo scivolerà verso Sud abbattendosi in modo più significativo su Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Calabria tirrenica.

La neve, che stamattina in Europa sta cadendoneve-oggi-300x300 fin in pianura, arriverà anche sull’Appennino meridionale, fino agli 800–900 metri tra Campania, Molise, Puglia e Basilicata, appena oltre i 1.000 metri in Calabria. Una componente molto significativa di questa sfuriata invernale sarà il forte vento di maestrale: nelle prossime ore potrebbe intensificarsi con raffiche fino a 100km/h dapprima in Sardegna (dove stamattina sono già stati misurati picchi diffusi sugli80km/h), successivamente domani in tutte le Regioni del Sud, soprattutto in Puglia, Calabria e Sicilia in modo particolare nel pomeriggio. Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting: